Giallo al Tribunale di Firenze: “Trovata una sentenza scritta prima della fine del processo”

Il pubblico ministero non aveva chiesto la condanna o l’assoluzione per maltrattamenti in famiglia ma il giudice aveva già deciso

Il processo per maltrattamenti non era ancora concluso, ma la sentenza di condanna era già scritta. A fare la scoperta del dispositivo nel fascicolo del dibattimento è stato per caso il difensore dell’imputato, che ha poi chiesto e ottenuto l’astensione del presidente del collegio e dei due giudici a latere della seconda sezione del tribunale di Firenze. A denunciare il caso è la Camera penale di Firenze. La vicenda risale allo scorso 15 febbraio. Il legale, secondo quanto emerso, in attesa dell’udienza avrebbe sfogliato, con il permesso del pm di udienza, il fascicolo del dibattimento, che raccoglie gli atti compiuti dalla polizia giudiziaria e dal pubblico ministero e i verbali.

Così avrebbe scoperto il dispositivo con data del 18 ottobre 2023, che riportava il nome dell’imputato e la condanna a 5 anni e mezzo per maltrattamenti, senza la firma del presidente del collegio. Ancora il pm non aveva svolto la requisitoria, né gli avvocati avevano argomentato le difese. Il difensore ha chiesto l’astensione del collegio. I tre giudici hanno deciso di astenersi. La decisione è stata autorizzata dalla presidente del Tribunale Marilena Rizzo che ha avviato accertamenti: “Ho chiesto una relazione al presidente del collegio”. Dura la denuncia Camera penale di Firenze: “Prendiamo atto delle spiegazioni del collegio che a fronte delle legittime rimostranze e dell’invito ad astenersi formulati dal difensore”, ha affermato si “trattava di una mera bozza, suscettibile di poter essere rimodulata dopo l’intervento delle parti”. Ma “appare evidente che una decisione era in realtà stata già assunta senza prima aver ascoltato le argomentazioni della difesa”. Tale modo di “amministrare la giustizia denota una visione del processo penale in cui le ragioni della difesa vengono intese alla stregua di un inutile orpello a cui si possa tranquillamente rinunciare con conseguente oltraggio del ruolo e della funzione del difensore”. 
   

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved