Calabria7

Giannuzzi: “Il turismo della radici per il rilancio dell’economia calabrese”

Innocenza Giannuzzi

“Si sente spesso parlare semplicemente di turismo, ma è usata un po’ meno quest’ulteriore locuzione: il turismo delle radici non è altro che l’insieme di quelle attività relative a viaggi e soggiorni compiuti per ricercare l’origine, la discendenza e le tracce di famiglie e di stirpi, per indagare i possibili legami di parentela, di affinità e di attinenza fra il turista con altre persone, cose e territori”. È quanto si legge in una nota di Innocenza Giannuzzi, presidente di Confartigianato Turismo di Catanzaro. “Si tratta di un turismo prevalentemente internazionale – continua – indirizzato spesso verso piccoli centri sconosciuti e volto a favorire la nascita di nuove destinazioni, oltre che a contribuire allo sviluppo economico dei territori in questione. I ‘turisti delle radici’ si recano presso i propri Paesi di origine con l’intento di conoscere il territorio di appartenenza dei loro antenati, la loro cultura e le loro tradizioni, così da riallacciare una connessione e scoprire una seconda casa. Si tratta di un segmento turistico in forte crescita nell’ultimo decennio, che può rappresentare un’importante fonte di sviluppo sostenibile per i piccoli borghi calabresi, realtà spesso poco conosciute e non incluse negli itinerari tradizionali, ma con un grande potenziale economico legato alla ricezione turistica”. 

“Il turismo oggi è in forte evoluzione – dice ancora Giannuzzi – anche a causa della situazione pandemica che ha mutato e continua a mutare il modus vivendi dell’intera società. Oggi il turismo delle radici può e deve essere un forte volano per il rilancio dell’intero comparto: è ovvio che, essendo un turismo spinto da un viaggio non convenzionale, necessiti di operatori formati e pronti a veicolare e programmare questo nuovo indirizzo, non lasciando spazio all’improvvisazione e all’approssimazione. Confartigianato Turismo Catanzaro ringrazia il professore Tullio Romita, docente universitario di Sociologia del Turismo, per averla voluta come partner nel Master di primo livello che si terrà presso l’Università della Calabria e a cui ci si potrà iscrivere entro il 23 dicembre. Il Master in questione, fortemente sostenuto anche dal Ministero degli Affari Esteri (MAECI), renderà disponibili a chi vi prenderà parte i risultati di oltre 10 anni di ricerca scientifica ad opera del gruppo di lavoro del prof. Romita e di altri Atenei italiani coinvolti nella medesima iniziativa formativa, avvalendosi dell’esperienza professionale di alcune fra le più importanti (e rare) eccellenze italiane dell’ambito”.

“La figura professionale che si formerà – conclude – sarà quella di Esperto in organizzazione e gestione del turismo delle radici’: ritrovare le proprie radici potrebbe significare ritrovare le innumerevoli ricchezze e bellezze di un Calabria a cui sentiamo di appartenere e verso la quale ci riporta quell’incalzante nostalgia mista a una buona dose di curiosità”. 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Vaccini, la Cisal: “La sicurezza dei lavoratori al primo posto”

Mimmo Famularo

Annunciato sciopero del personale mobile di Trenitalia anche in Calabria

Maria Teresa Improta

Anziana investita a Catanzaro, interviene il 118 (FOTO)

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content