Calabria7

“Giletti si occupi della tragedia in Piemonte con lo stesso livore con cui ha parlato della Calabria”

Giletti minacciato

“Caro Giletti, parlare di una tragedia in cui ci sono morti è sempre un’esercitazione di inadeguatezza. Si rischia di franare tra il rispetto che si deve a chi non c’è più, il dolore di chi li piange e, se vogliamo, la cautela che si deve a chi, nell’immediato, si addita come responsabile. Non commento i fatti di Stresa. Commetterei un’abiura a quello che ho appena detto. Se non erro, però, il Piemonte è la sua patria. Diametralmente opposta alla mia. In senso geografico, storico e sociologico”. Una lettera aperta a Giletti scritta sui social dall’avvocato del foro di Catanzaro Felice Foresta e inviata via mail anche a La7.  “Verrebbe da dire, e da chiederle, di parlare, adesso, di questa immane sciagura, in cui si profilerebbe la confessione di uno scopo mercenario. E di farlo con lo stesso livore e lo stesso anelito da caccia alle streghe con cui, per un inverno intero, ha parlato della Calabria, dei suoi mali, e della sua sanità malata. Non lo faccio, perché sarebbe vincere facile, e, nella mia vita, non è mai stato, e non è questo, il mio obiettivo. A me piace vedere l’intero. Magari in bianco e nero. Ma vedere tutto. Senza mani davanti agli occhi. Anche il mare. Che, pure senza colori, in Calabria luccica ancora”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, salgono a 108 i casi positivi a Taverna

Antonio Battaglia

Gioiosa Jonica, rinvenuta ed estirpata una vasta piantagione di marijuana

Antonio Battaglia

Estorsioni e spaccio di cocaina, cinque arresti a Cosenza

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content