Sicurezza, controlli e denunce nel Reggino

picchia donna

Continuano senza sosta i controlli dei carabinieri della Piana di Gioia Tauro per prevenire e reprimere i reati e infondere il giusto senso di sicurezza nei cittadini.

Nei giorni festivi appena trascorsi infatti, il Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro ha disposto mirati servizi straordinari di controllo in tutto il territorio. Impiegati oltre 300 militari sui vari turni della tre compagnie carabinieri dipendenti di Palmi, Gioia Tauro e Taurianova nei rispettivi territori. I militari durante le perlustrazioni hanno fermato e controllato oltre 1000 persone e 800 macchine. Eseguito 31 perquisizioni sul posto, svolto 65 controlli a soggetti sottoposti alla detenzione domiciliare, denunciato 6 persone all’autorità giudiziaria ed elevato sanzioni amministrative del codice della strada per quasi 24mila euro complessivi.

Nei giorni festivi appena trascorsi infatti, il Gruppo Carabinieri di Gioia Tauro ha disposto mirati servizi straordinari di controllo in tutto il territorio. Impiegati oltre 300 militari sui vari turni della tre compagnie carabinieri dipendenti di Palmi, Gioia Tauro e Taurianova nei rispettivi territori. I militari durante le perlustrazioni hanno fermato e controllato oltre 1000 persone e 800 macchine. Eseguito 31 perquisizioni sul posto, svolto 65 controlli a soggetti sottoposti alla detenzione domiciliare, denunciato 6 persone all’autorità giudiziaria ed elevato sanzioni amministrative del codice della strada per quasi 24mila euro complessivi.

Tali servizi hanno lo scopo di aumentare la presenza di pattuglie nel territorio soprattutto nei periodi di festività in cui può registrarsi una recrudescenza di episodi delinquenziali. Soprattutto di natura predatoria, come i furti in abitazione. In tale contesto, i carabinieri della compagnia di Taurianova hanno rinnovato ancora una volta la costante attenzione al fenomeno della guida in stato di alterazione psico-fisica, soprattutto dei giovani durante i fine settimana, che è potenziale causa di gravi incedenti stradali che mettono in pericolo non solo l’incolumità dei guidatori, ma la sicurezza di tutti i cittadini.

Il mirato servizio, fra Polistena, Cittanova e Cinquefrondi, ha portato a 5 denunce per guida in stato di alterazione. Un deferimento per porto abusivo di armi.

Un 21 enne di Taurianova, un 20enne di San Ferdinando, un 35enne di Taurianova e un 32enne di Feroleto della Chiesa, fermati alla guida in stato di ebbrezza. Sottoposti ai previsti accertamenti, trovati con un tasso alcolemico superiore al consentito.

I carabinieri hanno quindi immediatamente ritirato le patenti di guida e i giovani dovranno rispondere penalmente per il reato di guida in stato di ebbrezza. Oltre che pagare sanzioni di diverse migliaia di euro. Stesso esito ha avuto il controllo ad un 38enne di Cittanova, fermato alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, confermato dalle specifiche verifiche sanitarie. Anche lui dovrà rispondere del reato di guida in stato di alterazione e dovrà rinunciare alla patente per molti mesi. Oltre che pagare una cospicua sanzione amministrativa.

Le perquisizioni sul posto svolte dai militari hanno poi portato alla denuncia per porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere di un 50enne di Maropati. Trovato in possesso in auto, senza giustificato motivo, di un coltello con apertura a scatto di 15 cm. Tale attività di controllo ha lo scopo di contrastare il pericoloso costume di mettersi alla guida in stato di alterazione. Spesso sottovalutato dai giovani, ma molto pericoloso per la propria incolumità e degli altri. Senza considerare, tra l’altro, la severità delle leggi in vigore, tra cui il reato di omicidio stradale. Negli ultimi mesi, nel solo territorio della Compagnia di Taurianova, già 31 denunce per guida in stato di alterazione per assunzione di alcol o droghe.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Pubbliredazionale
L'appuntamento è nato dalla collaborazione con il Gruppo Coscia. Sarà l'occasione per ammirare le nuove collezioni del prestigioso marchio
Le forze dell’ordine hanno scoperto che si trattava di un 37enne che era ai domiciliari
Nessun arresto, non trattandosi di flagranza di reato, ma la posizione dei due intercettati in Calabria è al vaglio degli inquirenti
"Ogni anno attraversano lo stretto 10 milioni di passeggeri. Con un ponte tutto questo non avrà un vantaggio sotto il profilo ambientale?"
L'orario era stato fissato alle 4 di mattina, ma i dati riportati nel decreto dicono altro
"Ai giovani dico di restare in Calabria, ma il percorso è duro. Bisogna seguire a qualsiasi costo la strada dritta, mai prendere scorciatoie"
Ehi Rama a Lungro: "È molto importante imparare la vostra storia e la vostra esperienza"
Coinvolti anche alcuni camici bianchi dell’ospedale di Melito Porto Salvo. Nelle scorse settimane erano già state emesse 11 misure cautelari
Da una prima ricostruzione, per cause in corso di accertamento, il mezzo agricolo cingolato si è ribaltato travolgendo l'uomo, per il quale non c'è stato nulla da fare
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved