Giustizia lumaca al Tribunale di Vibo, Talerico “bacchetta” il presidente Di Matteo: “Porterò il caso in Parlamento”

Rapporti sempre più tesi con l'Avvocatura. Il consigliere regionale parla nelle vesti di consigliere nazionale forense e preannuncia una interrogazione parlamentare
riciclaggio vibo

Consigliere regionale della Calabria, consigliere comunale a Catanzaro, commissario regionale di Noi Moderati ma anche e soprattutto in questo caso consigliere nazionale forense. Antonello Talerico, già presidente dell’Ordine distrettuale degli Avvocati di Catanzaro, non le manda a dire e senza troppi giri di parole “bacchetta” il presidente del Tribunale di Vibo Valentia Antonio Di Matteo. Il tema è sempre lo stesso: la denuncia del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Vibo sui gravi ritardi dell’attività giudiziaria del Tribunale di Vibo Valentia, ridotto ormai in condizioni di totale emergenza. “Mi sconvolge – scrive Talerico – leggere che il presidente di un Tribunale ammonisca una istituzione dell’Avvocatura per il semplice fatto di aver portato all’attenzione del Ministero della Giustizia la condizione emergenziale di un Ufficio giudiziario, passando come è giusto anche dalla stampa, unico strumento vero in grado di determinare una ‘risposta’”. Peccato, però, che con la sua risposta il Presidente Di Matteo non solo ha perso l’occasione di recuperare il tempo perso sino ad oggi, ma ha anche perso l’utilità di avallare l’iniziativa dell’Avvocatura che ha quale obiettivo quello di avere un sistema giudiziario efficiente ed in grado di dare risposte reali ai cittadini (e non dopo 10/15 anni)”.

Magistrati e avvocati “eroi” a Vibo

Talerico parla a difesa dell’Avvocatura, parte lesa in questa vicenda “poiché purtroppo gli Avvocati percepiscono compensi e gratificazioni economiche e professionali eventualmente solo all’esito del giudizio”, sottolineando “che solo l’Avvocatura è soggetta a termini perentori e decadenziali, a cui non corrispondono eguali oneri a carico della magistratura che a prescindere dal numero di cause trattate o definite in un arco temporale consegue una indennità mensile certa e priva di alea (mancato recupero del credito, compensazione delle spese, etc.)”. Non una difesa corporativista ma una presa di posizione netta anche a tutela dei magistrati che operano all’interno del Tribunale di Vibo. “Abbiamo – evidenza Talerico -anche magistrati che lavorano tanto e bene, ed oramai costoro sono diventati degli eroi, al pari di quegli Avvocati che ogni giorno frequentano il Tribunale – quando è possibile, visto che oramai siamo stati tolti anche dalle aule d’udienza -, spesso oramai con grave mortificazione professionale, poiché qualcuno pensa che l’Avvocatura non abbia pari dignità rispetto agli altri operatori del diritto o che addirittura sia una insidia per il processo (oggi scopriamo che lo è anche se scrive la verità con un articolo di stampa)”.

“La censura all’Avvocatura non è ammissibile”

Da qui l’affondo di Talerico nelle vesti di consigliere nazionale forense: “Orbene, la censura all’Avvocatura non è ammissibile e quanto accaduto e accade a Vibo merita approfondimento in ogni sede. Non è ammissibile che il capo di un Ufficio giudiziario possa permettersi di tacciare un deliberato di un Consiglio dell’Ordine come indeterminato e generico solo per ‘mascherare’ eventuali inadempimenti del sistema giudiziario e/o politico. Del resto, il presidente Di Matteo cade in contraddizione quando è lui stesso a confermare la ‘complessiva condizione di emergenza’ del Tribunale di Vibo Valentia, ben nota da anni anche allo stesso Ministero della Giustizia. Di poi, grave è l’ulteriore inciso del Presidente di Vibo quando afferma che il Coa di Vibo Valentia : “…Ha di fatto determinato, a seguito del conseguente risalto mediatico, valutazioni denigratorie che hanno attino indiscriminatamente l’intera attività giudiziaria del Tribunale, con conseguenze oggettivamente delegittimanti dell’istituzione giudiziaria e con svalutazione dell’impegno profuso dai magistrati in servizio, molti dei quali, seppure di prima nomina, hanno dato dimostrazione di altissima professionalità e di elevato spirito di servizio”. Simili affermazioni che mirano ad intimorire una intera classe forense – non solo quella di Vibo -, fanno passare un gravissimo messaggio ovvero che nessuno si deve permettere di fare osservazioni sulla distribuzione degli affari, sulla gestione delle udienze e sulla efficienza o meno delle attività giudiziarie di un Ufficio e, che se ciò avviene gli autori di queste valutazioni commettono condotte denigratorie e delegittimanti il ruolo della magistratura, sino al punto di doverne rispondere direttamente”.

Il “caso Vibo” in Parlamento?

Talerico, a difesa della verità e della necessità di individuare le corrette soluzioni al “caso Vibo”, preannuncia “una interrogazione parlamentare al fine di verificare quali atti e/o iniziative -prima della denuncia del Coa di Vibo Valentia- siano stati adottati dal Presidente del Tribunale di Vibo Valentia rispetto alla complessiva condizione di emergenza del suo Ufficio Giudiziario e quali risposte siano intervenute da parte del Ministero della Giustizia”.

LEGGI ANCHE | Pochi giudici, troppi processi: il Tribunale di Vibo è il più lento d’Italia. Gli avvocati dal ministro Nordio

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
l'analisi
40 gol segnati e 36 subiti: dopo venticinque giornate di campionato, le cifre definiscono bene le due facce del Catanzaro
La relazione all'Istituto scolastico: "In classe non si riconosce il rispetto per le persone o le regole"
"La lotta instancabile condotta dai lavoratori ha dato i suoi frutti dopo oltre un anno di impegno e determinazione"
Quattro i veicoli coinvolti nel tamponamento. Traffico bloccato in direzione nord
Sul posto sono giunti i mezzi del 118, ma per il giovane - italiano di famiglia marocchina - non c'è stato nulla da fare
"Ci hanno procurato un danno notevole perché ci costringeranno a ricomprare tutti gli infissi e ci vorranno almeno 80mila euro"
La classifica della Fondazione Gazzetta Amministrativa dei costi sostenuti nel 2022 da Regioni e capoluoghi di Provincia
Ha riportato la rottura del setto nasale. Alla base dell'aggressione ci sarebbero dei futili motivi
Al momento dell'incendio, nell'abitazione c'era il solo proprietario che non ha riportato alcun danno
La giovane, seguita nel percorso dalla professoressa Marinzia Cordiano, ha brillantemente superato le due fasi
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved