Calabria7

Gli eventi di Giovedì Santo nella Parrocchia di Sellia Marina

di Antonia Opipari – Lavanda dei piedi e Coena Domini a Sellia Marina sono più che una tradizione pasquale: sono il modo per rendere partecipi i bambini nella comunità parrocchiale, che qui è assai attiva e presente.

Così le consuetudini della Settimana Santa diventano un’opportunità, soprattutto per i più piccoli, d’imparare che «non ci si deve servire degli altri ma bisogna servire gli altri», come ha spiegato Don Giuseppe Cosentino nella sua omelia durante il rito della Lavanda dei piedi. Protagonisti della funzione di ieri nella Chiesa Stella Maris, infatti, i bimbi di quinta elementare che tra un mesetto circa riceveranno la Prima Comunione.

Con parole semplici, per farsi capire dai giovanissimi apostoli e chierichetti il parroco ha esposto quanto scritto nei Testi Sacri, dicendo: «Gesù, Figlio di Dio, era il capo della comunità in cui viveva, eppure fa questo umile servizio ai suoi discepoli: lava loro i piedi, ben sapendo che lo avrebbero tradito. In questo modo Gesù istituisce due importantissimi sacramenti, l’eucarestia e l’ordine sacro. Non c’è eucarestia senza ordine sacro, perché non c’è Corpo di Cristo senza la consacrazione di un sacerdote». Don Giuseppe si è poi lasciato andare ad una confessione: «Il mio desiderio più grande è che un giorno qualcuno di voi scelga di prendere la via del sacerdozio»; ed ha invitato le famiglie ad alimentare la fiamma della vocazione, perché «un figlio che prende i voti è una benedizione».

«Senza di Cristo non si può fare nulla. Il Signore è la nostra forza ed il nostro scudo» ha concluso.

Contemporaneamente il rito della Lavanda dei piedi veniva celebrato da Don Raffaele Rimotti nella frazione di Calabricata. Qui gli apostoli erano tutti adulti, come nella funzione tenutasi nella Chiesa del Santissimo Rosario. Sono seguiti l’Adorazione dell’altare della Reposizione e le confessioni.

Oggi, Venerdì Santo, si celebra la Passione di Cristo e l’appuntamento è alle 19.00 con la Via Crucis animata.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, anche l’affollato mercato del sabato di Catanzaro Nord è una “landa desolata”

Danilo Colacino

Multopoli, assoluzione Abramo spazza via ogni dubbio

manfredi

Coronavirus, Costanzo: “Gli operatori dell’ospedale ‘Pugliese’ vanno tutelati”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content