Gratteri a colloquio con gli studenti di Locri: “I giovani di oggi sono figli di Internet”

L'incontro è avvenuto nel Liceo Scientifico Zaleuco, dove il magistrato ha risposto alle domande dei ragazzi e ha approfondito tematiche attuali

Sabato 17 febbraio, nell’Aula Magna della scuola le classi quarte si sono trovate a tu per tu con il magistrato e saggista italiano Nicola Gratteri, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Napoli. Considerato una delle figure di spicco della lotta contro la ‘ndrangheta, battaglia nella quale è impegnato attivamente fin dagli inizi della propria carriera, portandolo a vivere sotto scorta dall’Aprile del 1989, dopo che la sua prima indagine aveva provocato le dimissioni dell’assessore alla Forestazione, e fatto cadere la Giunta Regionale Calabrese.

Su questi presupposti i ragazzi del Liceo Zaleuco di Locri “hanno fortemente voluto la sua presenza”, come ha sottolineato la Dirigente Serafino nei saluti iniziali, rivolti non solo a Gratteri, ma anche ai rappresentanti dell’Amministrazione locale, con in testa il sindaco Fontana, all’assessore regionale Giovanni Calabrese e ai diversi esponenti delle Forze Armate. A seguire, la prof.ssa Stella Larosa, referente alla legalità, ha evidenziato l’importanza dell’evento, da cui gli studenti trarranno spunti di forte spessore valoriale.

Su questi presupposti i ragazzi del Liceo Zaleuco di Locri “hanno fortemente voluto la sua presenza”, come ha sottolineato la Dirigente Serafino nei saluti iniziali, rivolti non solo a Gratteri, ma anche ai rappresentanti dell’Amministrazione locale, con in testa il sindaco Fontana, all’assessore regionale Giovanni Calabrese e ai diversi esponenti delle Forze Armate. A seguire, la prof.ssa Stella Larosa, referente alla legalità, ha evidenziato l’importanza dell’evento, da cui gli studenti trarranno spunti di forte spessore valoriale.

Gratteri, poi, ha improntato l’incontro rispondendo alle domande dei ragazzi, e attraverso ciò ha approfondito tematiche forti, socialmente e territorialmente scottanti. Il magistrato ha messo in risalto i punti critici della giustizia italiana e locale, a partire dalla sua attuale riforma, che ha messo un freno, non indifferente, a diverse azioni investigative, prima fra tutte, la riduzione delle intercettazioni telefoniche che, a parere di Gratteri, sono indispensabili per ricostruire i movimenti dei criminali.

Gratteri ha, inoltre, sottolineato l’apporto che ognuno di noi può dare nella battaglia contro le mafie, e non certo quello di assuefarsi ad esse, facendole rientrare nella routine quotidiana, per esempio andando a foraggiare attività commerciali gestite da mafiosi. Rivolgendosi ai ragazzi, poi, Gratteri ha esternato la sua preoccupazione di mitizzare gli atteggiamenti criminali, grazie a film e fiction televisive, che tendono a mostrare personaggi malavitosi romanticizzati. “Le mamme devono sapere che i figli non sono propri, ma sono figli di internet”, ha sottolineato. L’unica soluzione, ha sostenuto, è ridare valore all’esperienza scolastica, fornitrice di cultura e consapevolezza.

La scuola resta lo strumento per costruire la propria conoscenza e avere armi per il domani, che è cruciale nel percorso verso il cambiamento. Un plauso al Liceo Zaleuco che con questo evento non solo ha portato un forte rappresentante della legalità dei nostri giorni, ma anche l’esperienza e le scelte di vita di un ex allievo, che ha deciso di aiutare la sua terra, ridandole dignità. “Quando andavo alle scuole medie vedevo le violenze davanti alla scuola, dei figli dei capimafia, vedevo i cadaveri a terra. Ho detto da grande devo fare qualcosa, perché questo non accada più. L’educazione della mia famiglia non mi faceva condividere quella violenza. È molto importante la famiglia”, ha detto Gratteri.

Foto: Enzo Lacopo

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved