Gratteri: “Politico disposto a fare accordi col diavolo pur di essere eletto”

Diversi i temi affrontati dal procuratore della Repubblica di Catanzaro nel corso di un'intervista rilasciata stasera a 'Dimartedì', su La7
gratteri

“Mediamente, un politico è presente sul territorio 4-5 mesi prima dalle elezioni, mentre il capomafia c’è 365 giorni all’anno. Se un candidato al Parlamento si rende conto, negli ultimi giorni, che potrebbe non farcela, è disposto anche a prendere accordi con il diavolo pur di essere eletto”. Lo ha detto il procuratore capo della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri nel corso di un’intervista rilasciata stasera a ‘Dimartedì’, su La7.

Il magistrato ha anche espresso le proprie perplessità sulla riforma Cartabia, sulla quale “mi sarei aspettato un po’ più di coerenza da Fratelli d’Italia che, quando era all’opposizione, è stata l’unica forza politica a non votarla. L’Europa ha detto di velocizzare i processi, non di non farli”.

Il magistrato ha anche espresso le proprie perplessità sulla riforma Cartabia, sulla quale “mi sarei aspettato un po’ più di coerenza da Fratelli d’Italia che, quando era all’opposizione, è stata l’unica forza politica a non votarla. L’Europa ha detto di velocizzare i processi, non di non farli”.

Tra i temi affrontati da Gratteri anche quello relativo alla realizzazione del Ponte sullo Stretto di Messina. “Opere del genere – ha detto il magistrato – devono essere fatte se utili, necessarie e se servono alla collettività. Bisogna chiedere a calabresi e siciliani e vedere come la pensano, ma alla domanda ‘se volete il Ponte’, vi risponderanno che ci sono problematiche come quello delle ferrovie, delle infrastrutture e così via”.

Sulle intercettazioni, invece, Gratteri ha aggiunto che “non è vero quanto sostenuto dal ministro della Giustizia Nordio, e cioè che le intercettazioni costano troppo: costano 3 euro al giorno”.

Per quel che riguarda, invece, il tetto al contante, a giudizio del procuratore capo di Catanzaro l'”Italia si è adeguata all’Europa, ma io sono contrario: meno contante c’è, meno possibilità di saranno per i ‘mazzettari'”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved