Calabria7

Grazie alla Capitaneria di porto reggina torna “Mare Sicuro” in Calabria e Basilicata – VIDEO

Con l’arrivo delle vacanze estive torna anche Mare Sicuro, l’operazione della Guardia costiera che fino al 13 settembre impegnerà, in tutta Italia,  circa 3.000 uomini e donne, 300 mezzi navali e 15 mezzi aerei a tutela di bagnanti e diportisti per una corretta fruizione delle spiagge e del mare.

«L’operazione coordinata nella regione Calabria e nella Basilicata tirrenica dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria, sarà svolta anche attraverso una capillare opera di diffusione e condivisione di informazioni e comportamenti utili da tenersi soprattutto in estate, quando l’affluenza in mare e sulle spiagge cresce in maniera esponenziale, aumentando conseguentemente il rischio di incidenti. Saranno intensificate le attività di controllo in mare – si evidenzia tra l’altro nella nota diramata dalla Capitaneria di porto di Reggio agli operatori dell’informazione – al fine di garantire l’osservanza dei limiti di navigazione dei natanti in prossimità della costa e la salvaguardia della fascia riservata alla balneazione, la prevenzione dell’inquinamento marino e la vigilanza sulle aree marine protette».

Anche per la stagione estiva 2020, del resto, «l’iniziativa denominata  Bollino blu cercherà di promuovere attività mirate di verifica sulla sicurezza delle unità da diporto evitando che queste si traducano in duplicazioni dei relativi controlli da parte delle forze operanti in mare. Infine,  particolare importanza riveste – si osserva dalla Guardia costiera reggina – la campagna promossa dal Ministero dell’ambiente, Alla natura non serve, campagna per il corretto smaltimento di mascherine e guanti protettivi. Le mascherine e i guanti sono dispositivi che, in questi mesi, tutti noi abbiamo imparato ad usare per difenderci dal virus SARS-COV-2, purtroppo, alcune persone dopo aver usato mascherine e guanti  non li smaltiscono correttamente e li abbandonano dove capita, per strada, nei giardini e persino nei boschi, in campagna e in mare, ignorando che questi strumenti, che sono stati così utili per la nostra salute, alla natura invece non servono».

Per informare e sensibilizzare i cittadini, per tutto il mese di luglio andrà in onda lo spot televisivo della campagna ambientale, realizzato dall’Ufficio Comunicazione della Guardia Costiera in collaborazione con l’Ufficio Stampa del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con protagonista l’attore Enrico Brignano.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Porto Gioia Tauro: “Bene Mct, ora tocca alla politica”

Mirko

Coronavirus, seconda domenica di quarantena anche in Calabria fra cibo e social

Danilo Colacino

Ospedale Locri: reparti imbrattati con escrementi

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content