I Carabinieri passano al setaccio la Piana di Gioia Tauro: 2 arresti, 30 denunce e sequestrati 20chili di marijuana

Diversi i reati sventati, dallo spaccio al furto aggravato fino a maltrattamenti da "Codice Rosso" e guida in stato di ebrezza

Proseguono i controlli dei militari dell’Arma nei comuni pedemontani della Piana di Gioia Tauro, con servizi effettuati in collaborazione tra i Carabinieri della Compagnia di Taurianova (RC) e il personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria, miranti ad incrementare la sicurezza pubblica.
Numerosi i risultati conseguiti, con due pregiudicati tratti in arresto. Il primo, sottoposto a sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel comune di Varapodio, sorpreso dai militari della Stazione di San Martino di Taurianova alla guida di un’autovettura fuori da quel comune.
L’altro, invece, destinatario di perquisizione locale eseguita dalla Stazione di Cittanova con il supporto dei cacciatori di Calabria, è stato trovato in possesso di un fucile monocanna cal. 36 di fabbricazione artigianale privo matricola, relativo munizionamento cal. 12 ed una rete a maglie strette per la pratica dell’uccellagione di frodo.
Per entrambi i soggetti, la prospettazione degli investigatori, sposata dalla Procura della Repubblica di Palmi guidata dal Procuratore Emanuele Crescenti, ha trovato il preliminare accoglimento dell’Ufficio gip che ne ha convalidato l’arresto.

Gli altri risultati dei controlli

I Carabinieri hanno poi sequestrato 20 kg di marijuana, che, suddivisi in pacchi già pronti allo smercio, erano stati occultati in una stalla in disuso nelle campagne di Taurianova.
Quanto ai denunciati, sono stati segnalati alla Procura di Palmi quattro pregiudicati stranieri per furto aggravato in quanto sono stati fermati dai militari della Sezione Radiomobile di Taurianova alla guida di un’autovettura che, come emerso dalla perquisizione, strabordava di prodotti alimentari e vestiti di marca, risultati provento di vari furti verificatisi in vari supermercati e esercizi commerciali della zona.
Sempre grazie ai controlli su strada, i carabinieri hanno poi denunciato per ricettazione l’autista di un furgone al cui interno erano trasportati due motori con i numeri di matricola ribattuti.
I servizi preventivi hanno poi scongiurato il peggio, sorprendendo un pregiudicato extracomunitario, destinatario di divieto di avvicinamento alla propria compagna, all’esterno della casa di quest’ultima. All’uomo, a seguito dell’avvio del “codice rosso” perché ritenuto autore di gravi maltrattamenti in pregiudizio della convivente, era stata inibita la frequentazione della casa e del luogo di lavoro della donna.
Da ultimo, le pattuglie impiegate nei controlli per il codice della strada hanno riscontrato dodici guidatori in stato di ebrezza ovvero alterazione da sostanze stupefacenti, uno dei quali aveva causato un sinistro stradale con altri conducenti coinvolti. Per tutti questi, oltre alla denuncia in Procura, è stata revocata la patente.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved