Calabria7

I dieci ribelli del Pd a favore di Oliverio: non andremo a Bologna

Dieci componenti dell’assemblea nazionale del Pd hanno inviato una lettera al segretario nazionale del partito, Nicola Zingaretti, e al Presidente Paolo Gentiloni.

Non parteciperanno alla convention d Bologna per manifestare il loro dissenso sulla gestione delle elezioni regionali in Calabria ed in particolare per il no alla ricandidatura di Mario Oliverio, presidente uscente.

Il documento è firmato da Domenico Fortugno, Angela Martino, Carmen Latella, Maria Canduci, Luigi Guglielmelli, Eleonora Ienaro, Carmine Quercia, Pino Capalbo, Enzo Bruno e Simona Mancuso.
“È da mesi – scrivono – che abbiamo chiesto, in ogni forma e in ogni modo, un confronto e una discussione larga e democratica sulle prossime elezioni regionali in Calabria. Con stupore, invece, abbiamo dovuto assistere ad un articolo di stampa in cui si è fatto veicolare (senza alcuna altra evidenza pubblica) un sondaggio SWG (sembrerebbe commissionato dal PD nazionale) mirato ad azzoppare (senza alcun senso politico) un’ esperienza di governo regionale guidata da un Presidente dirigente dello stesso Partito Democratico. Se fosse vera questa notizia ci chiediamo con sgomento: è questa la cifra del livello raggiunto nella dialettica e nella lotta politica interna che si conduce nel PD?

Mai si era visto in oltre 70 anni di Repubblica un partito che commissiona sondaggi per fare epurazione e abbattere rappresentanti istituzionali del proprio stesso partito. Un sondaggio – proseguono i firmatari del documento – di cui ad oggi non si conoscono né metodologia, né target, né rappresentatività e pertanto come tale non può essere commentato dal momento che non emergono intenzioni di voto, non ci sono candidati che competono e non c’è l’indicazione temporale della rilevazione. Eppure, avevamo avuto ben altre rassicurazioni dai rappresentanti della Segreteria nazionale del partito sui modi e i metodi attraverso cui si sarebbe dovuta organizzare la fase preparatoria delle elezioni in Calabria”.

Nello scorso mese di luglio, si ricorda, il vice segretario nazionale Andrea Orlando “affermò che sarebbe stata aperta una riflessione sulla nostra esperienza di governo in Calabria e su come procedere per selezionare il candidato alla presidenza della Giunta regionale. Pochi giorni dopo, il componente della segreteria nazionale, Nicola Oddati, nell’assemblea provinciale di Cosenza, espresse un giudizio positivo sull’attuale Giunta regionale ed affermò che la candidatura di Mario Oliverio sarebbe stata la proposta con la quale si sarebbe avviato il confronto in presenza di altre eventuali ipotesi nominative. Nicola Oddati  – si ricorda – fu anche lapidario sull’indicazione di svolgere il congresso regionale agli inizi del mese di settembre”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Celia: “Le condizioni le detta Abramo, Tallini sempre più in ombra”

manfredi

Academy Crotone e Sellia Marina in cerca di talenti calcistici

Antonia Opipari

Catanzaro, il ricordo della maestra Liliana Polacco

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content