I fiumi italiani diventano verdi: la protesta degli attivisti del clima contro la Cop28

I manifestanti: "Un processo che dovrebbe avere come obiettivo la fuoriuscita dal fossile ed è invece presieduto da un petroliere"

Mentre alla Cop28 a Dubai il capo dell’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) ha esortato gli stati membri a respingere qualsiasi accordo sul clima che prevedesse l’eliminazione dei combustibili fossili, in Italia gli attivisti climatici hanno tinto i fiumi di verde per fare sentire la loro voce, ancora una volta, sui rischi della crisi climatica. La protesta avviene a tre giorni dalla fine della Conferenza Internazionale sul Clima. L’iniziativa, svolta con una sostanza non inquinante, è stata condotta da Extinction Rebellion allo scopo di denunciare il fallimento della leadership mondiale nell’affrontare la crisi climatica e la sesta estinzione di massa.

Le proteste nelle città

Le proteste nelle città

A Torino e a Milano, una casa “affondata” è comparsa nelle acque verdi del Po e dei Navigli, mentre a Venezia alcune persone si sono appese con imbraghi al ponte di Rialto, sopra le acque verdi del Canal Grande. A Bologna alcuni canotti sono stati rilasciati nel canale del Reno che passa in centro città, noto come “la piccola Venezia”. A Roma, l’isola Tiberina è stata circondata dalle acque verdi del Tevere. Secondo gli attivisti, il colorante impiegato per le azioni dimostrative è fluoresceina, un sale innocuo usato come tracciante e addirittura per segnalare la posizione di subacquei dispersi in mare.

Giustizia climatica

Le azioni degli attivisti climatici si inseriscono nell’ambito della “Giornata Mondiale per la Giustizia Climatica”, indetta dalla Climate Justice Coalition e rilanciata in Italia anche dalla CGIL. Migliaia di persone si sono mobilitate in tutto il pianeta per denunciare “la beffa di un processo che dovrebbe avere come obiettivo la fuoriuscita dal fossile ed è invece presieduto da un petroliere e preso d’assalto dai lobbisti delle aziende petrolifere di tutto il mondo”, ha dichiarati Matilde, dalle rive del Po a Torino.

Un’azienda petrolifera a capo della Cop28

La Cop28 si sta infatti svolgendo in questi giorni a Dubai, negli Emirati Arabi Uniti. Per la presidenza è stato nominato Soultan Al Jaber, amministratore delegato dell’azienda petrolifera di stato, l’Abu Dabi National Oil Company. Secondo Al Jaber non ci sarebbe alcuna evidenza scientifica che l’uscita dal fossile sia necessaria per mantenere le temperature globali al di sotto dell’1,5°C. “Tale scelta ci farebbe tornare all’età della pietra”, ha detto il petroliere una settimana fa. Affermazioni in aperto contrasto con le numerosissime evidenze scientifiche e con i risultati degli stessi report prodotti dall’IPCC.

Negazionismo anche dal governo Meloni

Gli stessi argomenti sono stati utilizzati da molti esponenti del governo italiano e dalla presidente Giorgia Meloni, che nel suo discorso a Dubai ha infatti ribadito la necessità di “una transizione ecologica non ideologica”. “Ideologica? Sono passati 30 anni dalla prima edizione della COP. Trent’anni di inadempienze politiche e oggi siamo qui, a contare i danni nelle nostre città” ha commentato Lorenzo, un attivista di ER milanese. “Pragmatico, libero dal radicalismo, non ideologico. Queste sono ormai le parole d’ordine di chi è al Governo in Italia per definire chiunque chieda una politica seria di azzeramento delle emissioni”. Non a caso le iniziative di Extinction Rebellion sono state accompagnate da uno striscione: “Il governo parla. La terra affonda”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Entrambi sarebbero in attesa di primo giudizio. A vigilare sui cortili della prigione c'era un solo agente
La strada è stata provvisoriamente chiusa al traffico. Il personale di Anas è sul posto per la gestione della viabilità
Un’opera rock di assoluto valore artistico, storico e culturale, che ci riporta al popolo dei Bretti e al mito di Donna Brettia
Edison Malaj è deceduto schiacciato da una lastra di cemento mentre lavorava nel piazzale delle ex cantine sociali di Frascineto
Al "Ceravolo" una partita equilibrata con brivido finale per i giallorossi, che salgono a 39 punti
L’uomo è stato portato in elisoccorso all’Annunziata di Cosenza. La strada fortunatamente non era trafficata al momento dell’incidente
"Si sta cercando di delocalizzare il poco rimasto nel capoluogo che fino a ora rendeva la stessa realtà, e l'area più centrale della Calabria, attrattivi"
Dirigenti dell’Anas, indagati per presunta corruzione, avrebbero fornito informazioni riservate sulle gare. Tutto ruota intorno alla Inver
È il caso di un uomo di 74 anni. Una Tac alla testa ha rivelato la presenza di un ago per l'agopuntura che stava causando un’emorragia cerebrale
Il Coruc, Comitato regionale universitario di coordinamento della Calabria, ha dato l'ok definitivo
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved