I medici del 118 di Catanzaro sul piede di guerra: “L’Asp ha cancellato il servizio di emergenza”

Differenze contrattuali tra neo assunti e medici convenzionati, riduzioni illegittime delle indennità e un utilizzo inconsueto dell’elisoccorso con costi esorbitanti per la pubblica amministrazione

Differenze contrattuali tra neo assunti e medici convenzionati, riduzioni illegittime delle indennità e un utilizzo inconsueto dell’elisoccorso con costi esorbitanti per la pubblica amministrazione. Parte dai medici del 118 di Catanzaro una nuova offensiva nei confronti dell’Azienda sanitaria provinciale del capoluogo calabrese.  I medici sono amareggiati per la gestione del servizio di emergenza territoriale, al punto da sostenere che la commissione straordinaria che guida l’Asp “ha condannato al dissolvimento il servizio territoriale 118 e, con esso – scrivono – i cittadini a perdere l’unico servizio territoriale di emergenza che è in prima linea 24 ore a fronteggiare patologie acute dei cittadini”.

“Grave carenza di risorse umane”

“Grave carenza di risorse umane”

Scelte che, ritengono i medici, sarebbero state compiute “scientemente”. Tutto sarebbe iniziato “con il decidere di sovvertire un accordo nazionale della medicina generale, sottraendo, senza alcun titolo, un terzo dello stipendio dei medici per una presunta illegittimità di un’indennità di 5,5 euro all’ora per compiti aggiuntivi”. Questo, sempre secondo i medici, sarebbe avvenuto “nonostante il parere favorevole dei medici del comitato regionale della medicina generale”, causando “frustrazione nei professionisti dell’emergenza che hanno deciso in gran numero di dimettersi”. Una condizione, d’altronde, che ha portato ad “una grave situazione carenziale di risorse umane, con conseguente demedicalizzazione del servizio”.

“Regione Calabria assente”

Per sopperire alle carenze di medici sarebbe maturato un secondo errore che penalizza ulteriormente i medici del 118: “D’accordo con la dirigente delle risorse umane – hanno evidenziato – è stato avviato un piano di reclutamento di personale che elude puntualmente ogni regola e normativa, nonché la dignità degli sfortunati medici residuati, i quali si vedono offesi e vilipendiati da proposte economiche oscene a vantaggio solo dei dipendenti e di liberi professionisti, medici laureati da pochi mesi che si vedono recapitare parcelle da 8-9mila euro a dispetto di quelle normali di 2.000 euro dei poveri convenzionati”. Così, con alcune ambulanze senza medico che vengono inviate per soccorsi delicati, scatterebbe la necessità di utilizzare l’elisoccorso con maggiore frequenza, “con la modica somma di 16.000 euro” e cancellando ogni forma di risparmio e tutela della spesa pubblica. Condizioni, dunque, inaccettabili, dove non ci sarebbe più alcun risparmio, tra ricorsi e controricorsi, mentre gli stessi medici del 118 chiamano in causa anche la Regione Calabria che “indifferente al tutto, non risponde neanche alle pressioni di qualche politico”. In questo stato di cose, per i medici del 118 il diritto alla salute “viene messo a dura prova da una realtà politico-amministrativa che manifesta una pericolosa deriva oligarchica, travolgendo tutti i diritti”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il membro Udc chiede la restituzione del medaglione sacro sottratto dalla chiesa di Bovalino. “Ogni reato deve essere considerato grave”
Il governatore ha partecipato alla Conferenza dei delegati calabresi al congresso del partito svoltasi a Lamezia Terme
L'iniziativa è partita dalla Casa del Popolo Thomas Sankara e ha visto l'adesione di diverse realtà e associazioni cittadine
La struttura, funzionante da 30 anni, custodisce 90 mila volumi e gestisce oltre 2 milioni di schede bibliografiche on line
Già in passato si erano verificati episodi simili ai danni dell’imprenditrice. Coldiretti Calabria: "Un vile atto e un gesto inqualificabile" 
Per l’8 Marzo la città ospita il cartellone "Il senso delle donne”, sostenuto dal Comune in collaborazione con le associazioni del territorio
Il gruppo provinciale per l’Ordine e la sicurezza pubblica si è riunito con la presenza della sottosegretaria all’Interno Wanda Ferro, tra altri
Le segreterie nazionali: “Riduzione preoccupante delle attività. La situazione sta degenerando in tutti i territori interessati, inclusa la Calabria”
Il caso
Dopo la vergognosa guerriglia post-derby le due Questure facciano subito luce su quanto accaduto. Ancora si attendono i Daspo dell’andata
A Lamezia Terme, il segretario generale del sindacato ha partecipato insieme a Roberto Occhiuto a un'iniziativa sullo sviluppo del Mezzogiorno
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved