Calabria7

L’ultimo report dell’Istat: “I prezzi di produzione salgono del 32.9% sull’anno”

bolletta luce-gas

“A gennaio i prezzi alla produzione dell’industria aumentano del 9,7% su base mensile e del 32,9% su base annua”. Lo comunica l’Istat in un report. L’aumento congiunturale di eccezionale entità, sia “spinto dai forti rialzi sul mercato interno dei prezzi di energia elettrica e gas. Anche la decisa accelerazione annua (+32,9%, da +22,8% di dicembre) è soprattutto dovuta alla componente energetica; al netto di questa, la crescita dei prezzi è nettamente più contenuta: (+1,8% su base mensile; +10,6% su base annua (era +9,3% a dicembre). Accelerazioni dei prezzi in quasi tutti i settori manifatturieri, su tutti e tre i mercati di riferimento”.

“Sul mercato interno – si legge – i prezzi aumentano del 12,4% rispetto a dicembre 2021 e del 41,8% su base annua. Al netto del comparto energetico, la crescita dei prezzi è nettamente più contenuta e pari all’1,8% in termini congiunturali e all’11,0% in termini tendenziali. Molto più contenuto, evidenzia l’Istat, è l’aumento dei prezzi sul mercato estero. Qui i prezzi crescono su base mensile dell’1,6% (+1,6% area euro, +1,7% area non euro) e registrano un incremento su base annua del 10,5% (+11,3% area euro, +10,0% area non euro). Nel trimestre novembre 2021-gennaio 2022, rispetto ai tre mesi precedenti, i prezzi alla produzione dell’industria crescono del 10,6%, con una dinamica decisamente più sostenuta sul mercato interno (+13,7%) rispetto a quello estero (+2,6%).

Elettronica e ottica in flessione

A gennaio 2022 si rilevano ampi aumenti tendenziali diffusi a quasi tutti i settori manifatturieri. I più marcati riguardano coke e prodotti petroliferi raffinati (+35,7% mercato interno, +15,2% area euro, +48,6% area non euro), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+23,3% mercato interno, +33,8% area euro, +25,4% area non euro), prodotti chimici (+19,7% mercato interno, +20,5% area euro, +18,3% area non euro) e industria del legno, della carta e stampa (+14,9% mercato interno, +16,1% area euro, +12,5% area non euro). L’unica flessione riguarda computer, prodotti di elettronica e ottica (-0,8% area euro). A gennaio 2022 i prezzi alla produzione delle costruzioni per “Edifici residenziali e non residenziali” crescono del 2,5% su base mensile e del 6,4% su base annua. I prezzi di “Strade e Ferrovie” aumentano del 2,1% in termini congiunturali e del 5,4% in termini tendenziali.

“Per le costruzioni – si legge nella relazione – i prezzi alla produzione segnano rialzi su base mensile determinati in larga misura dagli aumenti dei costi dei materiali; su base tendenziale, la loro crescita accelera”. Nel quarto trimestre 2021 i prezzi alla produzione dei servizi aumentano dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e dell’1,8% su base annua. Gli incrementi tendenziali più elevati si registrano per i servizi di trasporto marittimo (+38,3%) e di trasporto aereo (+14,9%); l’unica flessione riguarda i servizi di telecomunicazione (-4,8%). “Per i servizi, l’incremento congiunturale dei prezzi nell’ultimo trimestre 2021 è sintesi di aumenti diffusi; i più ampi interessano i servizi di trasporto marittimo e di trasporto aereo” spiegano dall’Istat

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content