I Quartieri: “La politica dovrebbe abbandonare il campo della sanità”

“Si è concluso il calvario per la sanità catanzarese? L’adozione dei decreti della struttura commissariale hanno in parte risposto ai rilievi dell’on. Tallini?”.

E’ l’interrogativo posto da Alfredo Serrao, presidente dell’associazione I Quartieri.

E’ l’interrogativo posto da Alfredo Serrao, presidente dell’associazione I Quartieri.

“Lo stesso aveva adombrato dubbi e pericoli per la sanità socio-assistenziale lamentando una disparità di trattamento nella provincia rispetto alle strutture esistenti, alle loro capacità di offrire una risposta ai cittadini (?), con il vantaggio di una sola struttura che avrebbe avuto un occhio di benevolenza da parte dei commissari?

Parlare di sanità territoriale ed in particolare di tutto quello che esula dalla sanità ospedaliera è certamente un terreno minato, se le notizie che si voglio divulgare sono quelle che sentiamo da anni, visto che siamo fermi sempre al valore economico stabilito dal DCA 26/2016, che è rimasto l’unico metro di riferimento rispetto ad una risposta – che manca – a volte per una serie di responsabilità complesse che coinvolgono tutti gli attori in campo.

Appare ancora più paradossale che la difesa di patria venga dal maggiore esponente di Forza Italia della provincia di Catanzaro, quando fino ad oggi questa parte dell’universo – sanitario – era, giustamente a lui sconosciuto. Magicamente (?) oggi Forza Italia e l’on. Tallini diventano attenti al problema delle strutture socio-sanitarie (RSA, Riabilitazione, Case Protette), facendosi paladini di un ragionamento monocorde e già conosciuto”.

“C’è una verità che strumentalmente sfugge, – prosegue Serrao – perché fortemente scomoda ed è quella che forse – senza forse – la politica dovrebbe abbandonare il campo della sanità, restituendo ai manager – chiamati a rispondere anche in solido – la responsabilità dei risultati raggiunti o meno e degli obiettivi, magari anche su indicazione politica.

Di certo verrebbero meno una serie di condizionamenti e di consorterie che rendono alcuni settori della sanità cialtrona, quella che urla solo per la cassa, ma che nasconde – perché nasconde in modo certificato – tanti misfatti che si vorrebbero far passare per buona sanità (?)

In questo contesto per RSA, Riabilitazione e Case Protette, gli strumenti di parametrazione alla realtà nazionale, i famosi LEA, sono diventati senza fissa dimora…

Però l’on. Tallini parla di lunghe liste di attesa in provincia di Catanzaro, un qualcosa che di certo non incrocia la bontà e la credibilità assistenziale di tutte le 27 strutture da lui citate.

Quello delle liste di attesa – lunghe per come si dice – per le strutture che le hanno – veramente – è un termine di paragone, perché esprime un gradimento ed una diversità di offerta sui setting assistenziali che è valore riconosciuto dai parenti e che non appartengono a quelle strutture dove le liste di attesa sono zero o pari a zero!

Parlare di sanità socio-assistenziale richiede un vincolo di verità, significa andare oltre il consolidato – non solo in termini economici – ed immaginare qualcosa che possa recepire, anche se ormai superato, l’impianto del Piano Nazionale delle Demenze, mentre in altre realtà si parla di villaggi Alzheimer o di cohousing diffuso.

Fantascienza per una regione, la Calabria, dove ancora si opera in sanità in concordia con chi pensa di indirizzare le scelte, fermando la propria ottica alla monetizzazione dell’impresa senza una rigenerazione mentale che è prima di tutto anche morale.

Moralità richiede – conclude Serrao – non solo pseudo scelte di facciata, che vanno in contrasto con quanti invece riconoscono un valore di trasparenza e di condivisione con le famiglie ed istituiscono nelle loro strutture lo sportello del Tribunale del Malato, o di quella che imporrebbe un serio controllo del Dipartimento Regionale alla Salute stante le comunicazioni del Ministero competente – seppellite nei cassetti – che chiedono contezza su vicende che attengono alcune RSA.

Però oggi ci si prodiga – sempre giustamente – a mandare una visita ispettiva all’AO Pugliese-Ciaccio, come se le altre strutture sul territorio, quelle accreditate al SSN, incluse le RSA, Riabilitazione e Case Protette non debbano rispettare criteri sanitari riconosciuti che non possono restare e non devono restare nel terreno delle ombre!”.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'uomo, uno straniero senza fissa dimora, è finito in carcere. Decisive le registrazioni video delle telecamere di sicurezza della zona
Si tratta di elezioni di secondo livello, di conseguenza voteranno solo i sindaci e i consiglieri comunali
Vincenzo intervenne per primo dopo il naufragio del carico Summer Love: "Ho portato a riva 15 bimbi morti, in colpa per non averli salvati"
Per diversi anni ha combattuto contro la sclerosi laterale amiotrofica (Sla)
Un'iniziativa voluta dalla rete 26 Febbraio - che riunisce circa 400 associazioni - celebrata alle 4, l'orario in cui avvenne lo scontro del caicco contro una secca a un centinaio di metri dalla riva
Coinvolte due auto che si sarebbero scontrate frontalmente. Le vittime avevano 20 e 18 anni
L'Accademia della Crusca ha deciso di far sentire la sua voce con una lettera aperta indirizzata alla ministra Bernini
Il cane sarebbe scappato da una casa approfittando del cancello aperto: non sarebbe il primo episodio di aggressione
I due giovani, entrambi crotonesi e appassionati di danza, sono morti sul colpo. In gravi condizioni le altre due persone ferite
Chi viene sorpreso al volante con lo smartphone in mano avrà la patente sospesa per una settimana se su questa ci sono almeno 10 punti
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved