I sindacati rispondono a Tansi: “Giornalisti mafiosi? Faccia i nomi”

I rappresentanti della stampa invitano il geologo a spiegare "chi siano i colleghi asserviti alla ‘ndrangheta o che lo hanno ricattato, altrimenti ha perso una buona occasione per stare in silenzio"
carlo tansi su enzo voce-alt

“L’aspirante consigliere regionale della Calabria, Carlo Tansi, afferma di aver compreso gli errori che ha commesso nell’ultima campagna elettorale e che lo hanno portato alla sconfitta. Evidentemente di errori ne continua a commettere tanti. Come le sue frasi infelici e senza senso scritte in un comunicato stampa”. Frasi per le quali, adesso, il presidente del Gruppo Cronisti Calabria “Franco Cipriani” e responsabile Fnsi per la Legalità, Michele Albanese, il rappresentante della Calabria nell’Osservatorio nazionale sulla legalità, Lucio Musolino, e il segretario del Sindacato Giornalisti della Calabria, Andrea Musmeci, chiedono spiegazioni a Carlo Tansi.

I capri espiatori

I capri espiatori

“In particolare, più che un mea culpa di errori fatti, per i cronisti e Sindacato dei giornalisti calabresi, la nota di Tansi sembra una ricerca di capri espiatori”. L’ex capo regionale della Protezione Civile sostiene, infatti, di non essere riuscito a far capire ai calabresi perché sosteneva la candidata Amalia Bruni “anche a causa di una parte del sistema d’informazione calabrese nelle mani della ’ndrangheta che ha distorto la mia comunicazione”. Come se non bastasse, sempre Tansi fa riferimento anche “all’azione ricattatoria di certa stampa illegale che denigrava quotidianamente il mio operato influenzando anche l’operato di molti miei candidati e fondatori del movimento civico Tesoro Calabria di cui sono presidente”.

Tansi “spara nel mucchio e non spiega nulla”

“Quindi, se abbiamo capito bene, – affermano Albanese, Musmeci e Musolino – per l’aspirante consigliere regionale, in Calabria c’è ‘una parte del sistema d’informazione calabrese nelle mani della ‘ndrangheta’ mentre l’altra parte, ‘illegale’, si cimenta in azioni ‘ricattatorie’. Questi sono reati penali e, viste le accuse pesanti formulate da Tansi, immaginiamo che prima di scrivere quella nota stampa si sia recato in Procura per denunciare i giornalisti vicini alle cosche e anche quelli ricattatori. Se non lo ha fatto, allora le sue sono parole in libertà, attacchi gratuiti che i giornalisti calabresi non possono accettare. Quanto detto da Tansi è inaudito, – sottolineano Albanese, Musmeci e Musolino – spara nel mucchio e non spiega nulla. Attaccare tutti non è solo ingiusto per chi, il nostro lavoro, lo fa con serietà in una regione difficile come la Calabria, ma è anche un modo per non attaccare nessuno. Se veramente pensa quello che ha scritto, inviato ai giornali e pubblicato sulle sue pagine social, Tansi inizi a fare i nomi dei giornalisti e delle testate illegali e mafiose. Faccia i nomi e dimostri le sue parole”.

“Ci metta la faccia o stia zitto”

“Ci spieghi chi sono i colleghi asserviti alla ‘ndrangheta o che lo hanno ricattato durante la campagna elettorale. Altrimenti ha perso una buona occasione per stare in silenzio. I giornalisti sono, insomma, diventati – concludono Albanese, Musmeci e Musolino – bersaglio di quanti mal digeriscono confronti parti e leali. Chi pensa di indossare le vesti di salvatore della patria, senza averne la caratura, è tempo che si rassegni. Compito dei giornalisti è raccontare i fatti. A chi non piace il nostro lavoro cerchi altri bersagli o abbia il coraggio, qualora pensi di aver subito torti, di metterci la faccia e adire le vie legali”. (giornalistitalia.it)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L’associazione catanzarese Cam Gaia: “A fianco delle vittime… non siete sole. Abbiamo mezzi e strumenti per tutelarvi” 
L'uomo si è reso protagonista di numerosi atti vandalici e anche di una serie di aggressioni nei confronti di alcuni cittadini
A bordo del veicolo tre ragazzi, uno dei quali minorenni. Feriti i due poliziotti che hanno intimato l'alt al conducente
Un velista spagnolo disperso e due diportisti soccorsi da Guardia Costiera a Roccella Ionica e Crotone
Era stato rilasciato dal carcere di Vibo con l'obbligo di dimora ma aveva fatto perdere le proprie tracce
Si tratta dell'indagine della Procura di Vibo sui rifiuti smaltiti illecitamente nei terreni agricoli. Undici gli indagati
Il suo movimento “Sud chiama Nord” accanto al candidato a sindaco di Centro Francesco Muzzopappa
La Corte di assise di Catanzaro spiega, nel motivare la sentenza, le ragioni dell'esclusione dei futili motivi e della premeditazione
Entrambi erano finiti a processo dopo una denuncia presentata dalla minoranza nel 2020. Il Tribunale di Vibo: "Il fatto non sussiste"
Superficie di 10mila metri quadrati modificata in maniera permanente tramite terrazzamenti alti più di 20 metri
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved