Il caso

Il calvario di Martina, muore a 22 anni in ospedale. La mamma denuncia: “Voglio la verità”

La Procura apre un fascicolo per fare luce sulla vicenda. La ragazza era rimasta ferita un anno fa in un incidente stradale
televisori ematologia pugliese

E’ morta in ospedale, al Pugliese di Catanzaro, dopo oltre un anno di agonia. Martina Antonella Critelli non aveva neanche ventitré anni. Occhi verdi, sguardo solare, capelli castano ricci, una grande voglia di vivere spezzata da un grave incidente stradale. Il suo calvario era iniziato nella tarda serata del 21 marzo 2022, una data che segnerà per sempre la sua vita. Era insieme a un’altra ragazza a bordo di una Fiat Panda finita fuori strada e ribaltatasi in un terrapieno adiacente la carreggiata in viale Isonzo, periferia Sud di Catanzaro. Estratta dalle lamiere dell’auto dai vigili del fuoco, era stata trasferita nel nosocomio catanzarese in codice rosso. Reparto di Rianimazione: l’inizio e la fine di un’autentica odissea.

La denuncia-querela della mamma

La denuncia-querela della mamma

A raccontarla ai poliziotti della Questura di Catanzaro è stata mamma Donata, dilaniata dal dolore più grande: quello di aver perso una figlia. Ha sporto denuncia per avere verità e giustizia. Chiede di conoscere per filo e per segno cosa è accaduto in questi terribili e drammatici mesi; di individuare gli eventuali responsabili che con le loro condotte avrebbero cagionato la morte di Antonella o, comunque, non sarebbero riusciti a salvargli la vita. Nella denuncia-querela, mamma Donata mette in fila i fatti: dall’incidente avvenuto il 21 marzo 2022 al trasporto disperato al Pugliese di Catanzaro dove la ragazza è arrivata in prognosi riservata ed è rimasta ricoverata in terapia intensiva fino al 10 giugno dello stesso anno. Quasi tre mesi di degenza prima di un primo trasferimento in un’altra struttura sanitaria: l’ospedale Montecatone di Imola.

Il calvario di Martina

Un’estate intera trascorsa in Emilia e poi un altro viaggio, stavolta per ritornare in Calabria, destinazione Clinica San Vitaliano di Catanzaro. Un trasferimento dettato da una forte insufficienza respiratoria e dalla necessità di un trattamento specifico in un centro specializzato. Un ricovero lunghissimo durato fino al 25 maggio scorso, giorno in cui – racconta sempre la madre nella denuncia-querela – la figlia fu portata nuovamente al Pugliese, reparto di Malattie Infettive prima e, a seguito di complicazioni, in Rianimazione, dov’era giunta quella drammatica notte del 21 marzo 2022. Un viaggio a ritroso: andata e ritorno fino al decesso dell’altro ieri che ha gettato nella disperazione un’intera famiglia che si è affidata all’avvocato Francesco Gigliotti affinché venga fatta piena luce su una vicenda dai tanti punti ancora oscuri. I familiari sono convinti che qualcosa nell’assistenza sanitaria non abbia funzionato causando la prematura morte di Martina. Tante domande alle quali proverà a dare una risposta la Procura della Repubblica di Catanzaro che sul caso ha aperto un fascicolo, al momento contro ignoti, ed ha fissato per il 3 luglio prossimo il conferimento dell’incarico ad un medico legale per eseguire l’autopsia sul corpo della giovane.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il sindacato evidenzia una "inspiegabile" assegnazione dei fondi e bacchetta Occhiuto e il Dipartimento alla Salute in "silenzio assordante"
L'allerta, diramata dalla Protezione Civile, coinvolge un totale di 6 regioni. Ecco la mappa delle aree a rischio in Calabria
Nell'impatto, avvenuto in nottata, l'auto parcheggiata è stata scaraventata contro un palo dell'illuminazione
Latitante per 30 anni e in manette dal 16 gennaio scorso, è morto nella stanza blindata dell'ospedale de l'Aquila in cui ricoverato da agosto
Il giovane viaggiava su un mezzo "clone" di un originale di proprietà di una donna campana: alcune delle armi rinvenute sono ritenute "da guerra"
Dopo essere stati criticati, gli aggressori sono scesi dalla loro vettura per "punire" il giovane. Gli hanno sferrato calci e pugni e poi l'hanno travolto durante la fuga
"Una mamma, quando ha visto il figlio attaccato da molti calabroni, con coraggio non ha esitato a gettarglisi addosso per allontanarli"
Alla guida dell'auto c'era una cubana 42enne, rintracciata poche ore dopo l'incidente dai carabinieri
La protesta degli studenti andrà avanti per tutta la settimana con flash mob e presidi davanti agli atenei del Paese
Si va verso la riduzione dei farmaci per rispetto della sua volontà. Al suo capezzale è arrivata anche la madre
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved