Il Codacons diffida Dazn: “Inter-Juve si vede male? Contratto da revocare”

La diffida dell’associazione nasce da una nota in cui Dazn specifica che il servizio di stasera è “soggetto a limitazioni tecnologiche e geografiche"

Con una diffida urgente inviata oggi a Lega Calcio ed Agcom, il Codacons ha chiesto di disporre la revoca del contratto siglato con DAZN per la trasmissione delle partite di Serie A qualora, nel corso della giornata odierna, dovessero verificarsi nuovi disservizi tecnici tali da impedire agli abbonati la visione del match Inter-Juventus. La diffida dell’associazione nasce dalla pagina a pagamento pubblicata oggi da Dazn su alcuni quotidiani, nella quale, pubblicizzando la partita Inter-Juventus di stasera, l’azienda specifica (a fine pagina e a caratteri molto piccoli) che il servizio è “soggetto a limitazioni tecnologiche e geografiche dipendenti dalla copertura del tuo operatore internet”.

“Una tale affermazione risulterebbe esser ingannevole nei confronti degli utenti fruitori (o possibili fruitori) del servizio in quanto sembrerebbe evidenziarsi una chiaro ed evidente scarico – come si suol dire – di responsabilità – scrive il Codacons nell’esposto – In altre parole, utilizzando un claim costruito su mezzi grafici di non facile intuizione e/o visione per l’utente si arriverebbe a scaricare proprio sul consumatore la mancata visione del servizio reso.  Ad oggi, la nona giornata si concluderà con il macht molto atteso tra Inter e Juventus con la certezza che la partita sarà seguita da un alto numero di utenti e, per l’effetto, da un contemporaneo accesso elevato di account, trattandosi di «Live in esclusiva su Dazn» […] pubblicizzare un servizio arrivando sin da subito ad evidenziare che eventuali disservizi potrebbero essere causati dalla situazione geografica dell’utente/richiedente o da limitazioni tecnologiche dello stesso, non sembrerebbe sposare quel tanto decantato servizio illustrato dall’emittente Dazn”.

“Una tale affermazione risulterebbe esser ingannevole nei confronti degli utenti fruitori (o possibili fruitori) del servizio in quanto sembrerebbe evidenziarsi una chiaro ed evidente scarico – come si suol dire – di responsabilità – scrive il Codacons nell’esposto – In altre parole, utilizzando un claim costruito su mezzi grafici di non facile intuizione e/o visione per l’utente si arriverebbe a scaricare proprio sul consumatore la mancata visione del servizio reso.  Ad oggi, la nona giornata si concluderà con il macht molto atteso tra Inter e Juventus con la certezza che la partita sarà seguita da un alto numero di utenti e, per l’effetto, da un contemporaneo accesso elevato di account, trattandosi di «Live in esclusiva su Dazn» […] pubblicizzare un servizio arrivando sin da subito ad evidenziare che eventuali disservizi potrebbero essere causati dalla situazione geografica dell’utente/richiedente o da limitazioni tecnologiche dello stesso, non sembrerebbe sposare quel tanto decantato servizio illustrato dall’emittente Dazn”.

Per questo motivo il Codacons ha chiesto alla Lega Nazionale Professionisti Serie A e all’Autorità per le Comunicazioni, di revocare ai sensi dell’art. 650 c.p., il contratto sottoscritto con la piattaforma di streaming online Dazn se, al termine della nona giornata di Serie A e con esclusivo riferimento al match di chiusura della stessa, si verificheranno disservizi (anche di breve durata) che possano comportare un grave danno dei confronti degli utenti/fruitori del servizio.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
La Polizia locale di Catanzaro ha diramato un’apposita ordinanza in vigore dalle ore 12 a fine manifestazione
L'obiettivo è orientare i consumatori negli acquisti di beni e servizi e aiutare le famiglie italiane alle prese con la spesa quotidiana sempre più salata
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e i carabinieri, che hanno rinvenuto la tanica di benzina utilizzata per portare a termine l'intimidazione
A dare l'allarme sono stati ieri sera i parenti dell'uomo, un operaio italiano. Il fatto è avvenuto nella casa singola dove i due abitavano
Le condizioni meteo tenderanno a un ulteriore peggioramento nel pomeriggio con la formazione e lo sviluppo dei consueti temporali localmente intensi
Nello stesso posto dovrebbero trovarsi i resti di Mirella Gregori, ragazza italiana di 15 anni scomparsa il 7 maggio 1983 a Roma
Coinvolti altrettanti tifosi lombardi, finiti agli arresti domiciliari. La Questura sta ricostruendo i molti episodi violenti avvenuti dentro e fuori lo stadio Rigamonti
I bambini facevano parte di un gruppo di 11 persone che pescavano sulla riva del fiume
Gli interventi, molto probabilmente, inizieranno a breve, visto che le ruspe sono già sul posto. Ma club ha iniziato a guardarsi intorno
Il titolare di un’agenzia funebre a Mileto si sarebbe rivolto ai clan per scongiurare il rischio che una ditta concorrente - in procinto di essere avviata nello stesso territorio - potesse sottrargli una fetta di mercato
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2023 © All rights reserved