Calabria7

Il comandante della Legione Carabinieri Calabria incontra il personale di Vibo Valentia (FOTO)

È iniziata con la scopertura di un’epigrafe in memoria della recente cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico a cura del Capo della Stato Sergio Mattarella, presso il Nautico di Pizzo, la visita del comandante della Legione Carabinieri Calabria, generale Pietro Salsano. È stata l’occasione per incontrare e conoscere il prefetto Roberta Lulli ed i vertici delle altre Forze di Polizia, assicurando il massimo impegno dell’Arma a lavorare in sinergia, a tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica. E non solo. Il generale ha infatti preso parte attivamente, insieme agli studenti del Nautico, alla cerimonia del battesimo del mare e dell’aria, unendosi a loro per diffondere la cultura della legalità e della lealtà. “Lealtà” è stato infatti il monito che ha lanciato ai suoi carabinieri del Comando Provinciale di Vibo Valentia, salutati all’interno della base militare Luigi Razza, unitamente ai comandanti dei Reparti Speciali e ad una rappresentanza dell’ANC di Vibo Valentia. Il Comandante della Legione Carabinieri Calabria, nel suo primo incontro con il personale di Vibo Valentia, ha incoraggiato, senza mezzi termini, a raggiungere alti livelli di professionalità, con un forte spirito di squadra fra tutti i carabinieri, di ogni ordine e grado.

Una sola regola: essere leali

Una sola regola, dunque: essere leali. “Occorre sempre il massimo impegno e la serietà, da parte di ciascuno, perché il cittadino si attende sempre il massimo da noi carabinieri, anche e soprattutto a queste latitudini”. Dando seguito a quanto già preannunciato in occasione del suo insediamento alla guida dell’Arma in Terra di Calabria, lo scorso 27 settembre, l’alto Ufficiale ha ribadito la sua vicinanza e sostegno al personale, in ciascuno dei 32 presidi presenti nel Vibonese e l’importanza di sviluppare una grande capacità di ascolto. Prossimità al cittadino, capillarità, presenza costante sul territorio, capacità informativa devono continuare a caratterizzare la capacità operativa dell’intero dispositivo. Grande importanza, ha sottolineato, al ruolo dei comandanti: “L’essere Comandante si guadagna sul campo, giorno dopo giorno, con l’autorevolezza, l’esempio e la capacità di ascolto”. Molto significativo è stato anche il saluto ai vertici dell’Autorità Giudiziaria, il Presidente del Tribunale Antonio Erminio Di Matteo, con il quale si è a lungo intrattenuto sugli attuali forti impegni istituzionali connessi al maxi processo Rinascita-Scott e il procuratore Camillo Falvo, incontro volto a sugellare la massima collaborazione con l’autorità giudiziaria, sempre leale, coinvolgente e proficua. Il generale ha ricevuto il plauso delle autorità per l’abnegazione e la costante presenza dei carabinieri e garantito, anche per il futuro, pronta e totale disponibilità.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Amc Catanzaro: ritornano i “grattini” per sosta su strisce blu

Mirko

‘Ndrangheta e chiesa, Gratteri: “Legame forte”. I media? “Un’arma di difesa”

Antonio Battaglia

Nesci visita il centro vaccinazione di Vibo: “Medici e volontari devono sentire lo Stato vicino”

Giovanni Bevacqua
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content