Calabria7

Il Consiglio di Stato dà ragione a Mimmo Lucano: “Riace modello encomiabile”

Mimmo Lucano

Il Consiglio di Stato ha confermato oggi la decisione del Tar della Calabria che nel maggio 2019 aveva annullato il provvedimento con cui l’allora ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva escluso la città di Riace dallo Sprar, il Sistema di protezione per richiedenti asilo, decretando così la fine di quel modello di città inclusiva e solidale a cui per tanti anni aveva lavorato l’allora sindaco Mimmo Lucano.

Secondo i giudici  «che il modello Riace fosse assolutamente encomiabile negli intenti e anche negli esiti del processo di integrazione è circostanza che traspare anche dai più critici tra i monitoraggi compiuti». Inoltre che, a dimostrazione che il sistema di accoglienza funzionava, c’è anche una «relazione positiva» arrivata dalla prefettura di Reggio Calabria e che il ministero non avrebbe potuto escludere Riace dallo Sprar senza prima inviare una diffida.

“Mi domando solo – afferma l’ex sindaco Mimmo Lucano – chi pagherà, umanamente, per tutti quei migranti che con il provvedimento dell’ex ministro Salvini hanno dovuto abbandonare Riace rischiando di finire nelle baraccopoli come è stato per Becky Moses che è morta a San Ferdinando? Chi pagherà per una scelta politica studiata attentamente per delegittimare e distruggere quello che Riace rappresentava?”

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Operazione “Saggio Compagno” nel Reggino, cinque imputati in galera (VIDEO)

Mirko

Coronavirus, 20 nuovi positivi e 8 ricoveri al Gom di Reggio Calabria

Mirko

Gli interessi della ‘Ndrangheta per la cannabis light

Francesco Cangemi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content