Calabria7

Il Cosenza spezza l’incantesimo “Marulla” e conquista tre punti d’oro contro il Chievo

cosenza-chievo

di Antonio Battaglia – Tre punti per allontanarsi ulteriormente dalla zona calda, per tornare al successo dopo quasi un mese, per spezzare una volta per tutte l’incantesimo “Marulla”. Vittoria doveva essere e vittoria è stata per il Cosenza, che batte il Chievo e sale a 26 punti in classifica. 1-0 il risultato finale di un match dalle due facce: dominato dai Lupi nella prima mezz’ora di gioco, ad appannaggio quasi esclusivo del Chievo nella restante parte. Un mix di cinismo e stoicismo per i ragazzi di Occhiuzzi, che conquistano con le unghie e con i denti un successo (il primo stagionale tra le mura amiche) pesantissimo per il prosieguo del campionato.

Primo tempo

In avvio di match i Lupi giocano con grande determinazione e si rendono subito pericolosi: al 3’, Sciaudone ci prova da fuori e sfiora il palo alla destra di Semper. Il pressing dei rossoblù è insistente, ma al 9’ trema quando De Luca raccoglie un assist di Canotto e prova una conclusione che chiama Falcone alla respinta. Al minuto 11, ecco la svolta del match: calcio di punizione battuto da Corsi, sul pallone arriva Gliozzi che deposita il pallone in rete. I clivensi reagiscono immediatamente pochi secondi dopo, quando Ciciretti prova un sinistro che viene bloccato in due tempi da Falcone. Il Chievo tenta di costruire prettamente sulla fascia sinistra, ma il Cosenza chiude bene e si affaccia costantemente nella metà campo avversaria. 

Al 21’, Trotta riceve palla in area da Gerbo e calcia sfiorando il palo alla destra di Semper. Sul ribaltamento di fronte, Ciciretti raccoglie un cross dalla sinistra e calcia in girata con il pallone che termina sul fondo. I gialloblù provano a sviluppare trame offensive senza la necessaria precisione, con i padroni di casa ben disposti in campo. Con il passare dei minuti, però, il Chievo cresce e sfiora due volte la rete: al 28’ un diagonale di Canotto finisce fuori di poco sul secondo palo, mentre un paio di minuti dopo Fabbro salta due avversari e obbliga Falcone all’intervento.

Secondo tempo

In avvio di ripresa sembra ripetersi il copione che ha animato la prima frazione: il Chievo fa la gara e manovra il pallone, mentre il Cosenza aspetta e prova a ripartire in contropiede. Aglietti manda in campo Garritano e Margiotta, con quest’ultimo che al 66’ prova un tiro al volo che termina sul fondo. Occhiuzzi opta per gli ingressi di Crecco e Tiritiello, il collega gialloblù risponde con Viviani e Di Gaudio.

Nonostante i cambi, però, il Chievo fatica a creare pericoli dalle parti di Falcone a fronte di un Cosenza che chiude bene tutti gli spazi. Il forcing degli uomini di Aglietti è inesistente per tutto il resto della seconda frazione, ma i rossoblù (forti degli ingressi di Carretta, Ba e Mbakogu) resistono stoicamente e sfiorano addirittura il 2-0 al 91′ con una conclusione ravvicinata di Carretta che termina sul fondo.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rifiuti, continua crescita della differenziata in Calabria

manfredi

A Soverato il “Comess 2019”, focus scientifico sulla medicina dello sport

manfredi

Frontale sulla strada statale 106, due feriti d’urgenza in ospedale

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content