Calabria7

Il degrado e l’insulto alla legalità: Catanzaro è anche questa (SERVIZIO TV)

Qualche giorno fa, nel quartiere di fronte, Viale Isonzo, è stato registrato un servizio mandato in onda su Striscia la Notizia, firmato Vittorio Brumotti, che ha raccontato il degrado sociale ed ambientale della zona, dove la comunità rom domina il mercato della droga.

Noi ci siamo recati invece a dieci metri di distanza, appena attraversata la strada, in via Caduti XVI Marzo. Siamo sempre a Catanzaro, nel capoluogo di regione della Calabria. Qui, i residenti, raccontano al nostro microfono lo stato di degrado ed abbandono che vivono da anni, i problemi con l’Aterp relativamente ai canoni di affitto e soprattutto mostrano come il nome del giudice Borsellino, al quale è stato dedicato il parco polivalente, che oggi è simbolo di degrado ed illegalità, sia stato calpestato.

Tanti gli appelli e le richieste di intervento, ma nessuno ha fatto ancora nulla. Sono arrabbiati e vogliono fatti concreti. Il loro quartiere è in mano a tossicodipendenti e vandali. C’è una testa di gatto mozzata nel parco per i bambini e i ragazzi. Siringhe con l’ago attaccato e vetri. Oltre a rifiuti e degrado di ogni genere. A questo si devono dare risposte. Questa è la cruda realtà di diversi quartieri della zona Sud. I residenti intanto avvisano la classe politica locale e promettono: “se venite per il voto vi prenderemo a calci”.

Intanto la comunità di via Caduti XVI Marzo si stringe attorno alla famiglia della piccola Angela, una bimba di due anni volata in cielo troppo presto. Ai suoi cari l’abbraccio di tutti i residenti. (a.m.)

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Padre e nonno diventa sacerdote, catanzarese ordinato a 73 anni

manfredi

“Governo ascolti preoccupazioni del capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica militare”

Matteo Brancati

Coronavirus, Codacons: Si facciano i tamponi alle categorie sensibili e poi alla popolazione

Danilo Colacino
Click to Hide Advanced Floating Content