Il Garante nazionale della libertà personale in Calabria per incontrare due giovani detenute

L'avvocato Muglia ribadisce: "L'obiettivo primario è quello di assicurare la tutela dei diritti umani fondamentali"

l Garante nazionale delle persone private della libertà personale ha inviato nei giorni scorsi una delegazione in Calabria. L’avvocato Irma Conti, componente del Collegio del Garante nazionale, ha incontrato le detenute iraniane Maysoon Majidi e Marian Jamali, in misura cautelare perché accusate di essere “scafiste”, ristrette presso gli istituti penitenziari di Castrovillari e di Reggio Calabria. Al capo delegazione Irma Conti si è affiancato l’avvocato Luca Muglia, Garante regionale dei diritti delle persone detenute, che monitorerà l’evolversi della situazione in coordinamento con il Garante nazionale.

La visita istituzionale” – ha sottolineato Muglia – “riveste un significato importante in termini di attenzione e vicinanza del Garante nazionale alla vicenda delle giovani donne iraniane ed alle problematiche che affliggono le persone detenute in Calabria. Ringrazio, in modo particolare, la componente del Collegio del Garante nazionale Irma Conti, la quale nel corso della visita ha ascoltato le giovani iraniane e le altre detenute che hanno chiesto di esporre i loro bisogni, interagendo fattivamente con l’Amministrazione penitenziaria su questioni di estremo rilievo”. “Quanto a Maysoon Majidi e Marian Jamali” – ha concluso il Garante regionale – “stiamo ultimando gli approfondimenti necessari circa la biografia personale, le condizioni di detenzione, l’assistenza psicologica, lo stato delle procedure relative alla protezione internazionale e le possibilità di ricongiungimento familiare. Seguirà ogni ulteriore accertamento in forza dei mandati nazionali ed internazionali che competono, nello specifico, all’Autorità Garante Nazionale. Fatta salva l’autonomia ed indipendenza della magistratura, a fronte di fattispecie di reato così delicate quali quelle di favoreggiamento aggravato dellimmigrazione clandestina, che prevedono pene molto elevate, l’individuazione della responsabilità penale richiede un modello di intervento, investigativo e probatorio, in grado di scongiurare o ridurre il rischio di errori giudiziari. L’obiettivo primario, infatti, è assicurare – sempre e comunque – la tutela dei diritti umani fondamentali”.

La visita istituzionale” – ha sottolineato Muglia – “riveste un significato importante in termini di attenzione e vicinanza del Garante nazionale alla vicenda delle giovani donne iraniane ed alle problematiche che affliggono le persone detenute in Calabria. Ringrazio, in modo particolare, la componente del Collegio del Garante nazionale Irma Conti, la quale nel corso della visita ha ascoltato le giovani iraniane e le altre detenute che hanno chiesto di esporre i loro bisogni, interagendo fattivamente con l’Amministrazione penitenziaria su questioni di estremo rilievo”. “Quanto a Maysoon Majidi e Marian Jamali” – ha concluso il Garante regionale – “stiamo ultimando gli approfondimenti necessari circa la biografia personale, le condizioni di detenzione, l’assistenza psicologica, lo stato delle procedure relative alla protezione internazionale e le possibilità di ricongiungimento familiare. Seguirà ogni ulteriore accertamento in forza dei mandati nazionali ed internazionali che competono, nello specifico, all’Autorità Garante Nazionale. Fatta salva l’autonomia ed indipendenza della magistratura, a fronte di fattispecie di reato così delicate quali quelle di favoreggiamento aggravato dellimmigrazione clandestina, che prevedono pene molto elevate, l’individuazione della responsabilità penale richiede un modello di intervento, investigativo e probatorio, in grado di scongiurare o ridurre il rischio di errori giudiziari. L’obiettivo primario, infatti, è assicurare – sempre e comunque – la tutela dei diritti umani fondamentali”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved