Calabria7

Il Pd chiede responsabilità a centrodestra e Morra: “L’antimafia non si può fermare”

processo Rinascita-Scott

“La scelta del centrodestra di non partecipare ai lavori della commissione Antimafia, per protestare contro le dichiarazioni del presidente Morra, certamente improvvide e sbagliate, merita alcune riflessioni. Se è legittima e giustificata la protesta del centrodestra, non credo lo sia la scelta del boicottaggio. Non lo è perchè è evidente che così non si colpisce o penalizza soltanto il Presidente, ma si mina e si interrompe il lavoro della commissione stessa. E questa discussione e la legittima indignazione per esternazioni che un rappresentante delle istituzioni non può permettersi, non possono portare alla rimozione dell’ennesima inchiesta che conferma il radicamento in Calabria della ‘Ndrangheta e i suoi rapporti consolidati con l’economia e la politica. L’azione della commissione va rilanciata, soprattutto oggi, mentre tanti lanciano l’allarme sul ruolo che le organizzazioni criminali possono conquistarsi durante la crisi”. Così, in un intervento su Immagina, la piattaforma on line del Pd, Franco Mirabelli, vice presidente dei senatori del Pd e capogruppo dem in commissione Antimafia.

“Per il Pd serve tornare a parlare di lotta alle mafie e a lavorare per combatterle. Sarebbe importante se fosse il presidente Morra a fare un primo passo, sottraendosi finalmente alle polemiche, e rendendosi disponibile ad aprire una riflessione comune sul funzionamento dell’Antimafia, sugli obbiettivi del suo lavoro da qui a fine legislatura, sul suo stesso ruolo che non può essere diverso da quello di rappresentante di una istituzione, rispettoso di tutte le opinioni, consapevole di non poter prescindere dal funzionamento della commissione. Abbiamo tutti la responsabilità di rilanciare la commissione e di rafforzare la lotta alle mafie e questa consapevolezza deve portare tutti a fare un passo indietro, chiudere con le polemiche e ripartire”, conclude Mirabelli.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

‘Fare per Catanzaro’ promotore di un progetto di “mobilità solidale”

Matteo Brancati

Sileri minacciato, da alcuni giorni è sotto scorta

Mirko

Catanzaro, Belpanno e Ciciarello chiedono pulizia di tombini e canaloni della città

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content