Calabria7

Il prefetto Gualtieri, una vita spesa per garantire il rispetto delle regole

di Danilo Colacino – Una Rto – riunione tecnica, obbligatoria – davvero particolare, quella indetta dalla sezione arbitri di Catanzaro alla presenza del prefetto di Vibo Valentia, Giuseppe Gualtieri, fra i più noti associati d’Italia.

Figlio dell’indimenticato notaio Antonio – a cui peraltro la sede dei fischietti del capoluogo è intitolata – che ricoprì la funzioni di guardalinee, come si diceva allora, nei massimi campionati nazionali insieme al compianto Umberto Arcadia, il già questore Gualtieri si è imposto all’attenzione internazionale per aver svolto un ruolo direttivo nella cattura della primula rossa di Cosa Nostra Bernardo Provenzano.

Un superboss, rimasto latitante per decenni, assicurato alla giustizia nell’ambito di una delicata operazione di polizia.

Il dott. Gualtieri quindi, compatibilmente con i gravosi oneri connessi ai suoi alti incarichi professionali, è anche stato titolare di importanti funzioni all’interno dell’Aia, riuscendo perfino – quando ha uno “scampolo” di tempo a disposizione – a impartire preziosi suggerimenti alle giovani leve del mondo dell’arbitraggio.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Chiaravalle, tra preghiera e solidarietà. E una ragazza ucraina si commuove: “Grazie Calabria”

Maria Teresa Improta

Maltempo, domenica rischio alluvioni su tutta la regione

Matteo Brancati

Adozioni internazionali, accordo tra Regione e Asp di Catanzaro

Manuela Lardieri
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content