Il presepe di sabbia a Catanzaro: “i cittadini lo pagano due volte”

Il presepe di sabbia a Catanzaro? Sarà la solita invidia a spingere la richiesta di lumi in merito o Nicola Fiorita, consigliere comunale di opposizione, pone in evidenza un’anomalia?

Per capirlo cerchiamo di comprendere il concetto espresso via social dal consigliere di Cambiavento. Partiamo dai numeri. Per la realizzazione sarebbero stati investiti 13mila euro di soldi pubblici. Ma per entrarci i catanzaresi dovranno pagare un biglietto d’ingresso. Ci si domanda se i soldi andranno al Comune di Catanzaro, che quindi investirebbe per regalare un Natale più ricco ai catanzaresi, ma allo stesso tempo rientrerebbe nei costi con una percentuale sui ricavi del biglietto. No, perché il Comune avrà una percentuale solo dal visitatore numero 35.001.

Per capirlo cerchiamo di comprendere il concetto espresso via social dal consigliere di Cambiavento. Partiamo dai numeri. Per la realizzazione sarebbero stati investiti 13mila euro di soldi pubblici. Ma per entrarci i catanzaresi dovranno pagare un biglietto d’ingresso. Ci si domanda se i soldi andranno al Comune di Catanzaro, che quindi investirebbe per regalare un Natale più ricco ai catanzaresi, ma allo stesso tempo rientrerebbe nei costi con una percentuale sui ricavi del biglietto. No, perché il Comune avrà una percentuale solo dal visitatore numero 35.001.

In pratica, la “fortunata” associazione che organizza il presepe di sabbia avrebbe ricevuto 13mila euro subito e avrà per sé l’intero incasso fino ad oltre 200mila euro prima di dare una percentuale al Comune di Catanzaro. Ma c’è di più, poiché anche fosse una buona cosa sembra difficile avere oltre 35mila visite a Catanzaro per il presepe di sabbia a pagamento, nel mentre in Calabria in un anno i visitatori dei musei sono dieci volte tanto. Questo il concetto esposto su Facebook da Fiorita. Se Fiorita afferma il vero, dunque, i catanzaresi pagheranno due volte per ammirare il presepe di sabbia, tutto a vantaggio di chi lo fa, sacrificando uno dei pochi parcheggi disponibili per accedere al centro storico, con i commercianti che ovviamente si lamentano.

Di seguito il post del consigliere comunale di Cambiavento. “Abbiamo chiesto all’assessore Lobello di sapere quale criterio è stato seguito per decidere che il Comune incasserà il 25% del prezzo del biglietto per il Presepe di Sabbia solo a partire dal raggiungimento dei 35.000 visitatori paganti, anche in considerazione del fatto che tale cifra viene superata, in un intero anno, solo da due siti culturali in Calabria.
Ci hanno risposto con ben due note che siamo gufi, jettatori, miserabili, invidiosi, perdenti, cattivi, divisi, viscidi, accidiosi, ipocriti.
E vabè, siamo abituati. Ma una volta terminati gli insulti potete gentilmente spiegare ai cittadini di Catanzaro (non a noi, ai cittadini) perché il Comune finanzia con 13.000 euro l’evento ma rinuncia ad incassare una percentuale prima che venga staccato il biglietto numero 35.001?”. (a.m.)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved