Calabria7

Il racconto della vita di un ragazzo autistico e del suo papà al Magna Graecia Experience (VIDEO)

di Daniele Fazio – Momenti toccanti di grande commozione oggi a Catanzaro al Magna Graecia Experience. Il racconto della quotidianità vissuta da Franco e Andrea Antonello, un padre con suo figlio autistico, che esce dal piccolo schermo per arrivare direttamente al pubblico dei giovani. La quarta giornata del Magna Graecia Experience all’Aditorium Casalinuovo di Catanzaro ha avuto come punto di partenza la visione del servizio che Giulio Golia ha realizzato per il programma televisivo “Le Iene” sul mondo de “I Bambini delle Fate”, un’impresa sociale che dal 2005 si occupa di assicurare sostegno economico a progetti e percorsi di inclusione sociale gestiti da partner locali a beneficio di famiglie con autismo e altre disabilità.

Grande interesse tra gli studenti

Sguardi attenti, tante domande e testimonianze da parte degli studenti e delle studentesse hanno caratterizzato l’iniziativa a cui ha preso parte anche il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale della Calabria, Antonella Iunti, che sul palco ha così parlato dell’importanza della scuola per le persone con disabilità: “Parlare dei problemi, delle differenze, delle specialità aiuta. La scuola è fondamentale proprio perché è dappertutto e diventa strumento di possibilità anche per coloro che non sono strutturati nello stesso modo. La mia richiesta ai docenti è quella di formare i ragazzi non solo nelle competenze, ma soprattutto nell’aprirsi al mondo e attraverso eventi di questo genere può crescere anche il territorio”.

“Autismo, mettersi in ascolto”

L’inviato de Le Iene ha poi aperto la discussione sul tema al centro della giornata: “L’autismo non è affatto semplice – ha detto Golia – ma se vuoi entrare in contatto davvero con una persona autistica ti devi mettere in ascolto per cercare il modo di giusto di comunicare. Non mi aspettavo questa grande apertura mentale da parte degli adolescenti, sono piacevolmente stupito. Grazie Catanzaro. Credo serva fare più informazione. Gli insegnanti di sostegno hanno bisogno di competenze adeguate e di scegliere di fare questo lavoro, non usarlo solo per fare punti in graduatoria per ottenere la cattedra. L’interruzione di un percorso scolastico, con il cambio dell’insegnante per ogni ragazzo rappresenta un tornare indietro”. Franco Antonello ha poi parlato della sua esperienza da genitore di un ragazzo speciale: “Quando arriva l’autismo è sconvolgente, ti cambia la vita. All’inizio è normale avere disperazione, dopo abbiamo reagito con uno straordinario viaggio in America. Nella vita arrivano delle cose belle e qualche bella tempesta, il viaggio è stata la mia reazione alla tempesta, trasformando l’autismo in gioia”.

“La differenza non la fa il territorio, ma le persone”

Sulla realtà de I bambini delle Fate, il papà di Andrea ha aggiunto: “Noi abbiamo una grande fortuna di poterci permettere molte cose, la mia presenza oggi a Catanzaro è volta a sostenere dei progetti anche qui in Calabria. La situazione sta cambiando grazie al lavoro che facciamo noi, ai tanti genitori e ai servizi sui media. Non è vero che in questa regione le cose sono più difficili, la differenza non la fa il territorio, ma le persone. C’era vergogna fino a 25 anni fa per i ragazzi che hanno un disturbo dello spettro autistico. Ora si può fare tanto. Alle parole devono però seguire i fatti. Siamo qui in Calabria per costruire qualcosa di concreto, un progetto reale”. Tra le testimonianze dal pubblico, anche quella di Oceania, madre di due ragazzi autistici Daniel e Manuel Sirianni, che hanno raccontato il percorso diverso, ma intenso, di entrambi i ragazzi. Andrea Antonello e Giulio Golia hanno ritirato, infine, le colonne d’argento del maestro Affidato dalle mani del Direttore Generale dell’Usr, Antonella Iunti. L’ideatore del Magna Graecia Experience, Gianvito Casadonte, ha poi invitato lo stesso Andrea a tornare in Calabria per partecipare ad uno stage in occasione della prossima edizione del Magna Graecia Film Festival.  Domani giovedì 1 dicembre, dalle ore 9, saranno ospiti a Catanzaro il noto psicoterapeuta Salvo Noè e l’attore calabrese Moisè Curia che discuterà coi ragazzi al termine del film “Abbraccialo per me”.

MAGNA GRAECIA EXPERIENCE

II EDIZIONE

Programma

 

1 Dicembre

Auditorium Casalinuovo – Catanzaro – Ore 9.00

ABBRACCIALO PER ME di Vittorio Sindoni

Incontro con l’attore Moisé Curia

Incontro con Salvo Noè

 

2 Dicembre

Auditorium Casalinuovo – Catanzaro – Ore 9.00

SCIALLA di Francesco Bruni

Incontro con il regista

 

3 Dicembre

Auditorium Casalinuovo – Catanzaro – Ore 9.00

LA PRIMA REGOLA di Massimiliano D’Epiro

Incontro con il regista e gli attori Darko Peric, Marius Bizau e Andrea Fuorto

 

5 Dicembre

Auditorium Casalinuovo – Catanzaro – Ore 9.00

PERDUTAMENTE di Paolo Ruffini

 

6 Dicembre

Auditorium Casalinuovo – Catanzaro – Ore 9.00

UP&DOWN di Paolo Ruffini

Con la partecipazione del regista e degli attori del film

 

 

 

© Riproduzione riservata.
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content