Calabria7

Il Rende colleziona un pari insipido contro la Paganese: ora si fa dura

di Antonio Battaglia – Il Rende continua a leccarsi le ferite, l’amarezza sta per tramutarsi in disperazione. Nel giorno della possibile svolta, i biancorossi sprecano un’altra ghiotta occasione per allungare sulla zona rossa pareggiando contro la Paganese.

0-0 il risultato di un match con pochissime emozioni e che testimonia in pieno la crisi fisica e psicologica che sta attraversando la squadra di Rigoli. La sorprendente vittoria della Sicula Leonzio sul Potenza fa sprofondare il Rende a soli quattro punti dall’ultimo posto. E’ davvero crisi nera.

Andiamo alla cronaca. Avvio di gara arrembante per il Rende, che si rende pericolosa in diversi frangenti. Al 13′ prima clamorosa occasione da rete: Rossini si accentra dalla sinistra e lascia partire una conclusione sul secondo palo, ma Stendardo devia abilmente in angolo. Un minuto dopo, seconda ghiotta chance per i biancorossi: sugli sviluppi del corner,  Vitofrancesco si libera della marcatura di Panariello e crossa in area per Rossini, che di testa scheggia il palo alla destra di Baiocco.

Gli ospiti di mister Erra, dopo mezz’ora di dominio del Rende, si fanno vedere al 29′ con Alberti, che non riesce a sfruttare lo svarione di Borsellini a causa dell’intervento provvidenziale di Bruno. Nella ripresa, entrambe le squadre commettono diversi errori in fase di impostazione e danno vita ad una partita molto spezzettata.

La Paganese, tuttavia, appare più caparbia e al 55′ sfiora il vantaggio: Gaeta, imbeccato da una rimessa laterale, conclude verso la porta ma il pallone viene respinto dalla difesa avversaria e, sulla successiva ribattuta, Capece non riesce ad inquadrare lo specchio. Il match scorre via senza particolari sussulti fino all’85’, quando Loviso su punizione sfiora di pochissimo il secondo palo. Poche altre emozioni al “Razza”, per l’ennesima occasione sprecata dal Rende.

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Pasqua: il messaggio di auguri dell’Arcivescovo di Cosenza

Matteo Brancati

Coronavirus, CRI per te attivata anche a Crosia Mirto

manfredi

Droga: Corigliano, controlli in luoghi frequentati da giovani

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content