Calabria7

Imponimento, al via il troncone ordinario con 76 imputati. In aula bunker anche i fratelli Stillitani

di Mimmo Famularo – L’aula bunker di Lamezia Terme ha riaperto nuovamente i suoi cancelli e questa mattina lo ha fatto per la prima udienza di un altro maxiprocesso alla ‘ndrangheta vibonese. Al via infatti anche il troncone ordinario di “Imponimento”, l’inchiesta coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro, guidata da Nicola Gratteri, che punta a fare luce sugli affari illeciti dei clan Anello-Fruci operanti tra Filadelfia e Curinga, ai confini tra la provincia di Vibo Valentia e il comprensorio lametino. Sono 76 gli imputati finiti a processo in questo filone e tra questi ci sono anche l’ex assessore regionale Francescoantonio Stillitani e il fratello Emanuele (entrambi presenti in aula questa mattina) accusati di concorso esterno in associazione mafiosa per avere agevolato gli interessi della cosca capeggiata dal boss Rocco Anello per il quale la pubblica accusa ha già chiesto venti anni di reclusione nel processo con rito abbreviato (LEGGI QUI).  Al centro delle indagini figurano esponenti di spicco degli Anello e dei Fruci come di altre consorterie criminali operanti nel Vibonese: i Tripodi di Porto Salvo i Lo Bianco-Barba di Vibo Valentia, i Cracolici di Maierato, i Bonavota di Sant’Onofrio. Nomi “eccellenti” tra gli imputati: oltre agli Stillitani pure l’ex consigliere del Comune di Vibo Francescantonio Tedesco, l’ex assessore del Comune di Polia Giovanni Anello. Politici ma anche imprenditori come Antonio Facciolo o professionisti come Maria Alfonsina Stuppia, già responsabile dell’Ufficio urbanistica del Comune di Pizzo. A giudicarli sarà il Tribunale collegiale di Lamezia presieduto per l’occasione da Angelina Silvestri (a latere Salvatore Regasto e Adele Foresta).

Il calendario delle prossime udienze

La richiesta di costituzione di parte civile di alcuni enti ha caratterizzato quasi tutta l’udienza. A presentare domanda sono state la società Icm, l’Inail e l’Amministrazione provinciale di Vibo Valentia relativamente alla sola posizione dell’imputato Ruscio. Le difese hanno sollevato una serie di questioni preliminari e il collegio giudicante si è ritirato in camera di consiglio al termine ha dato il via libera alla richiesta della società Icm e dell’Inail mentre ha dichiarato inammissibile quella della Provincia di Vibo Valentia. Definito il calendario delle prossime udienze. Il processo riprenderà il prossimo 1 ottobre con le eccezioni preliminari e proseguirà l’8 e il 29 ottobre sempre nell’aula bunker della zona industriale di Lamezia Terme.

Tutti gli imputati

Antonio Anania, 39 anni, di Curinga;
Bruno Simone Anania, 29 anni, Curinga;
Giuseppe Anania, 54 anni, di Curinga;
Giovanni Anello, 31 anni, di Filadelfia;
Giuseppe Anello, 36 anni, di Filadelfia;
Roberto Anello, 33 anni, di Filadelfia;
Rocco Anello, 29 anni, di Filadelfia;
Tommaso Anello, 56 anni, di Filadelfia;
Antonio Attisani, 25 anni, di Filadelfia;
Antonio Attisani, 49 anni di Francavilla Angitola;
Nazzareno Bellissimo, 38 anni, di Monterosso Calabro;
Giuseppe Bertucci, 45 anni, di Gerocarne;
Raffaele Mariano Bertucci, 56 anni, di Spadola;
Domenico Calabria, 51 anni, di Rombiolo;
Francesco Caridà, 52 anni, di Pizzo;
Antonio Cerra, 31 anni, di Lamezia Terme;
Damiano Ciancio, 49 anni, di Dasà;
Domenico Ciconte, 52 anni, di Sorianello;
Francesco Conidi, 30 anni, di Polia;
Salvatore Contartese, 43 anni, di Limbadi;
Bruno Cortese, 65 anni, Capistrano;
Francesco Cortese, 48 anni, di Monterosso Calabro;
Francesco Cosmano, 33 anni, di Filadelfia;
Francesco Crigna, 50 anni, di Parghelia;
Vincenzo Cutrullà, 59 anni, di Pizzo;
Antonio Defina, 70 anni, di Sant’Onofrio;
Giovanni Damiano Deodato, 66 anni, di Cenadi;
Andrea Dominelli, 32 anni, di Chiaravalle Centrale;
Gennaro D’Urso, 67 anni, di Sant’Angelo a Fasanella (Sa);
Giovanni Fabiano, 52 anni, di Chiaravalle Centrale;
Antonio Facciolo, 61 anni, di Vibo Valentia;
Giuseppe Fortuna, 57 anni, di Vibo Valentia;
Nazzareno Franzè, 68 anni, di Cessaniti;
Marco Galati, 54 anni, residente in Svizzera;
Mario Galati, 61 anni, di Polia;
Gaetano Gori, 35 anni, di Cardinale;
Teodoro Grizzaffi, 51 anni, residente in Svizzera;
Ariosto Guzzo, 38 anni di Maida;
Giuseppe Iozzo, 38 anni, di Monterosso Calabro;
Mario Iozzo, 61 anni, di Chiaravalle Centrale;
Domenico Lo Bianco, 58 anni, Vibo Valentia;
Domenico Paolo Malta, 31 anni, Maierato;
Antonio Mazzotta, 23 anni, di Curinga;
Pasquale Mazzotta, 50 anni, di Francavilla Angitola;
Giuseppe Mercuri, 44 anni, di Limbadi;
Maurizio Michienzi, 49 anni, di Filadelfia;
Cosimo Monteleone, 66 anni, di Polia;
Francesco Notaris, 50 anni, di Maida;
Alfredo Papa, 62 anni, di Lucefa (Fg);
Francesco Perugino, 60 anni, di Maida;
Salvatore Pilieci, 38 anni, di Capistrano;
Franco Pontieri, 47 anni, di Nocera Terinese;
Rosario Pugliese, 54 anni, detto “Cassarola”, di Vibo Valentia;
Michelino Rizzo, 37 anni, di Filogaso;
Giuseppe Rondinelli, 71 anni, Filadelfia;
Pasquale Rondinelli, 40 anni, di Filadelfia;
Vincenzo Rondinelli, 42 anni, di Filadelfia;
Filippo Ruggiero, 63 anni, di San Gregorio d’Ippona;
Gaetano Ruscio, 36 anni, di Filadelfia;
Pasquale Scordo, 77 anni, di Tropea;
Mario Serratore, 45 anni, di Filadelfia;
Angelo Sgrò, 45 anni, di San Pietro a Maida;
Salvatore Sisca, 36 anni, di Filadelfia;
Emanuele Stillitani, 65 anni, di Pizzo;
Francescantonio Stillitani, 67 anni, di Pizzo;
Maria Alfonsina Stuppia, 55 anni, di Vibo Valentia;
Andrea Simone Suriano, 43 anni, di Piscopio;
Francescantonio Tedesco, 52 anni, di Ionadi;
Alessandro Teti, 50 anni, di Cenadi;
Giuseppe Tonietti, 50 anni, di Pizzo;
Antonio Tripodi, 56 anni, di Portosalvo;
Domenico Tripodi, 53 anni, di Portosalvo;
Sante Tripodi, 47 anni, di Portosalvo;
Pietro Verdelli, 46 anni, di Figline Vegliaturo (Cs);
Oreste Vona, 45 anni, di Petilia Policastro;
Salvatore Zungri, 56 anni, di Rizziconi.

Il collegio difensivo

Gli imputati sono assistiti, tra gli altri, dagli avvocati Eugenio Felice Perrone, Salvatore Staiano, Vincenzo Cicino, Diego Brancia, Stefano Luciano, Giuseppe Di Renzo, Giuseppe Grande, Salvatore Sorbilli, Giovanni Russomanno, Giovanni Vecchio, Domenico Anania, Sergio Rotundo, Francesco Gambardella, Maria Antonietta Iorfida, Antonio Larussa, Anselmo Torchia, Vincenzo Fulvio Attisani, Ottavio Porto, Vincenzo Gennaro, Francesco Mancuso, Francesco Calabrese, Nicola Cantafora, Giuseppe Torchia, Massimiliano Carnevale, Francesco Muzzopappa, Armando Veneto, Vincenzo Ranieri, Stefano Nimpo e Giosuè Monardo.

Imponimento, chiesti 20 anni per il boss Anello. Tutte le condanne invocate dalla Dda (NOMI)

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Scandalo al Csm e la mozione più votata a Catanzaro. Il pm Viscomi: “Siamo tutti responsabili”

manfredi

Inizia sgombero San Ferdinando, 600 uomini impegnati nell’operazione

Carmen Mirarchi

Narcotraffico internazionale con base a Vibo, chiesti oltre due secoli di carcere

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content