Calabria7

“In Calabria 31 morti in un anno”, la strage del lavoro continua e i sindacati si mobilitano

operaio catanzaro aosta

“Vogliamo mobilitare le coscienze di tutti perché 3 morti al giorno nel nostro Paese e 31 in Calabria in un anno chiedono rispetto”. Lo hanno detto i segretari generali di Cgil Calabria, Angelo Sposato, Cisl Calabria Tonino Russo, e Uil Calabria, Santo Biondo, nel corso di una conferenza stampa a Lamezia Terme (Catanzaro) sul tema della sicurezza nei luoghi di lavoro. Nell’incontro con i giornalisti i sindacati hanno annunciato la costituzione dell’Associazione regionale Slc Calabria, costituita dalle federazioni regionali di categoria dell’edilizia Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil per favorire la sicurezza e la salute dei lavoratori: designati anche Rlst (Rappresentanti lavoratori sicurezza territoriale), che sono i dirigenti sindacali Maria Antonietta Moricca, Cataldo Vitale e Spasimina Papasidero.

Le iniziative dei sindacati

Cgil, Cisl e Uil Calabria e le categorie degli edili hanno lanciato una serie di iniziative in Calabria sul tema della sicurezza stragi sui luoghi di lavoro, tra cui assemblee, mobilitazioni, e incontri istituzionali (il primo è giovedì 20 maggio con il presidente della Conferenza Episcopale Calabra, monsignor Vincenzo Bertolone). “Si tratta – hanno aggiunto Sposato, Russo e Biondo – di una battaglia di civiltà che stiamo conducendo unitariamente. Tutte le istituzioni e le imprese sono chiamate a fare la loro parte, in una regione in cui, nella catena perversa di appalti e subappalti, i lavoratori sono l’anello debole. Questa è una giornata importante perché il settore edilizia di Cgil, Cisl e Uil in Calabria si dà in maniera organica una struttura per tutelare la sicurezza nei luoghi di lavoro. È fondamentale che questo stile operativo degli enti bilaterali, quindi con un impegno paritario di lavoratori e datori di lavoro, si allarghi a tutti i settori produttivi”.

“Mancanza di controlli nelle aziende piccole e medie”

Gli incidenti sul lavoro – hanno detto ancora i segretari di Cgil Calabria, Cisl Calabria e Uil Calabria – “sono dovuti in larghissima parte alla mancanza di controlli nelle aziende piccole e medie. Necessitano perciò più verifiche e prevenzione. Chiediamo, inoltre, alla Regione Calabria maggiore attenzione e coordinamento per gli enti bilaterali e l’operatività di una commissione ad hoc sulla sicurezza nel lavoro”. La conferenza stampa è stata aperta dagli interventi dei segretari regionali di Fillea Cgil Simone Celebre (presidente Slc Calabria), Filca Cisl Mauro Venulejo (componente Cda Slc), Feneal Uil Maria Elena Senese (vicepresidente Slc): “Avvieremo una campagna ad hoc per chiedere zero morti sul lavoro. C’è bisogno – hanno detto Celebre, Venulejo e Senese – di provvedimenti seri. Diamo anche un input alla Regione Calabria per l’istituzione, all’interno del Dipartimento lavoro, di un tavolo sulla sicurezza”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Rebecca, 13enne catanzarese vittima dei social per una malattia che le ha sfigurato il viso

Giovanni Bevacqua

Forzato portone sede Cosenza Calcio, indagini in corso

Mirko

Abramo e Cardamone: “Buona notizia Soprintendenza di Catanzaro-Crotone”

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content