Calabria7

Bollette choc, in Calabria il 14% delle aziende rischia di chiudere per i costi dell’energia

bolletta ristorante

In Calabria un’impresa su tre è in grave difficoltà per i costi dell’energia. Il 14% rischia la chiusura entro la fine dell’anno. Lo denuncia il Presidente regionale della Cna, Giovanni Cugliari, in base ai contenuti di uno studio della sua confederazione. “È sempre più evidente – dice – quanto il problema del costo dell’energia sia l’elemento di maggiore preoccupazione per le imprese e per le famiglie che si vedono recapitare bollette con costi sempre crescenti. Un tema su cui Cna sta vigilando con molta attenzione e su cui è intervenuto il Presidente Regionale della Confederazione Giovanni Cugliari Il rischio è quello di un problema sociale enorme, dovuto alla complessità e alle molteplici cause che concorrono ad amplificare i disagi che si sovrappongono l’uno con l’altro: un’economia a lungo condizionata dall’emergenza sanitaria, la crisi delle materie prime ed il rincaro dei prezzi, le conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina, la crisi energetica e l’aumento esponenziale dei costi, l’inflazione che sale e la BCE aumenta conseguentemente i tassi di interesse. Una tempesta perfetta che può portare a chiudere un altissimo numero di imprese e di mettere in crisi i nostri sistemi economici”. Un’ulteriore conferma arriva da un’indagine condotta dalla Cna Calabria presso le imprese associate ed evidenzia l’impatto di questi rincari sui conti delle aziende: nei primi 9 mesi del 2022 i costi energetici sostenuti dalle imprese sono in molti casi triplicati rispetto allo stesso intervallo temporale del 2021. Una situazione su cui è fondamentale intervenire velocemente.

Scelte strategiche sull’approvvigionamento energetico

“Ci sono – aggiunge Cugliari – interventi che avranno impatti rilevanti soltanto sul lungo termine, come la scelta strategica sugli approvvigionamenti e la scelta di fornitori affidabili con cui stipulare accordi duraturi che possano compensare senza conseguenze per imprese e famiglie la rinuncia all’energia proveniente dalla Russia. Ciò che riteniamo di assoluta priorità in questa delicata fase è operare con grande rapidità su misure che possano avere ricadute molto concrete nel breve e nel brevissimo periodo. I prossimi mesi saranno decisivi per la sopravvivenza di molte imprese e, di conseguenza, per la salvaguardia dei posti di lavoro e del benessere delle nostre comunità. Secondo la nostra indagine – continua il Presidente Cugliari – si tratta un problema che non riguarda soltanto le imprese energivore ma coinvolge moltissime imprese artigiane che arrivano a dover convivere con punte di incidenza dei costi energetici superiori al 40% dei costi complessivi di produzione. L’impatto di questa situazione, in assenza di adeguati interventi di sostegno da parte della politica su ogni livello istituzionale, è potenzialmente devastante. Serve un tavolo di crisi permanente attivo in Regione Calabria sull’impatto dei costi dell’energia, sul sistema delle imprese e del lavoro. Consapevoli che le decisioni strategiche e di maggior peso passano per ovvie ragioni sui tavoli del Governo Nazionale ed Europeo”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Coronavirus, Arpacal dona dispositivi di protezione all’ASP di Vibo Valentia

Mirko

Serie B, il Cosenza si fa rimontare dal Lecce e interrompe la striscia positiva

Antonio Battaglia

Sport, audizione in Senato del catanzarese De Nardo. La soddisfazione del Csen Calabria

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content