In carcere per maxi rissa e droga nel Milanese, 19enne esce per sostenere gli esami di maturità

Una volta finiti gli esami, il giovane dovrà tornare nell'abitazione e seguire le regole del regime dei domiciliari
rissa milanese

Passa dal carcere ai domiciliari uno dei 21 ragazzi arrestati sei giorni fa per la maxi rissa a Pessano con Bornago, nel Milanese, del 29 settembre scorso che si concluse con l’omicidio del 22enne Dimitry Simone Stucchi. In particolare, l’attenuazione della misura cautelare, decisa dal gip di Milano Luca Milani con il parere favorevole del pm Antonio Cristillo, è arrivata oggi per permettere al giovane, Davide Colombi, 19 anni, di sostenere a partire da domani gli esami di maturità. Colombi, amico della vittima e presunto capo della cosiddetta ‘banda di Vimercate’ che si è contrapposta all’altra di Pessano per un debito di droga, potrà così domani uscire di casa per la prima prova degli esami e poi dovrà tornare nell’abitazione e seguire le regole del regime dei domiciliari. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
storie
La fece realizzare l’avvocato Giovanni Correale Santacroce, socialista, primo sindaco del capoluogo dopo la caduta del fascismo
Eseguite 10 misure cautelari nei confronti di 4 donne e due uomini che gestivano le minori. Gli incontri avvenivano in un b&b
Il magistrato in aula aveva chiesto la condanna a poco più di un anno di reclusione per l'imputato giudicato con rito abbreviato
il retroscena
L'idea di poter beneficiare di un loro sostegno sotterraneo a discapito del centrodestra? Tutte le contraddizioni di un comizio elettorale
Serie B
La squadra di Vivarini a un passo dal clamoroso sorpasso nel finale con Donnarumma che colpisce il palo. Si deciderà tutto sabato allo Zini
Insussistenti gli addebiti disciplinari che venivano contestati all'ex procuratore aggiunto di Catanzaro già prosciolto dalle accuse a Salerno
"Sempre più numerose le segnalazioni di utenti che denunciano telefonate da parte di presunti rappresentanti di aziende o altri enti"
A bordo c'erano 211 passeggeri e 18 membri dell'equipaggio. Ancora non è chiaro esattamente cosa sia successo
I dissidi che hanno portato alla lite sarebbero da ricondurre a problemi di natura privata. L’arma è stata sequestrata 
Armati di guanti, rastrelli, sacchetti e di tanta voglia di fare i volontari dell'associazione hanno ripulito il litorale
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved