Calabria7

Incassa pensione della madre morta, denunciata

Incassa pensione della madre morte

L’anziana donna era deceduta nel 2013 e la figlia ha continuato a percepire la sua pensione per quasi 6 anni

Per oltre cinque anni ha continuato a percepire le pensioni erogate dall’Inps alla madre deceduta nel 2013, a 83 anni. Ma è stata individuata dai finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Macerata e denunciata per indebita percezione di erogazioni pubbliche a danno dello Stato. Si tratta di una donna di mezza età dell’entroterra maceratese per la quale il gip ha disposto il sequestro di beni per equivalente per oltre 107 mila euro.

L’atto di morte dell’anziana era stato tempestivamente trascritto nei registri anagrafici del Comune, ma, hanno accertato le indagini coordinate dal pm Vincenzo Carusi, la relativa comunicazione è giunta al Ministero dell’Interno solo a settembre 2018. La figlia, senza segnalare l’inconveniente all’Inps, ha continuato a ricevere sul conto corrente cointestato con la madre le somme per tre distinti trattamenti pensionistici (vecchiaia, reversibilità e accompagnamento per invalidi civili).

Redazione Calabria 7

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Conte alla Camera per la fiducia, Salvini in piazza contro di lui. Italia spaccata in due

Danilo Colacino

Dorian, almeno 30 i morti alle Bahamas

manfredi

Marito picchia la moglie: lei finge di ordinare una pizza, ma chiama il 112

Matteo Brancati
Click to Hide Advanced Floating Content