Calabria7

Incassano bonus Covid senza averne diritto, 13 indagati a Lamezia

bonus covid

Hanno incassato il bonus Covid pur non avendone diritto. In 13 sono finiti nel registro degli indagati dalla Procura di Roma nell’ambito di una indagine che ha fatto emergere un sistema illecito che puntava a drenare i finanziamenti emanati dal Governo durante la fase più drammatica dell’emergenza sanitaria legata al Coronavirus. Provvedimenti che erano stati disposti per aiutare le imprese e i commercianti in difficoltà. Nel procedimento si ipotizzano reati tributari, truffa e autoriciclaggio. Oggi gli uomini della Guardia di Finanza hanno proceduto al sequestro preventivo di oltre 110 milioni di euro di crediti fiscali. L’attività trae origine da un’analisi di rischio sviluppata dall’Agenzia delle Entrate, diretta da Ernesto Maria Ruffini, sulla spettanza dei “bonus” previsti dai decreti “Rilancio” e “Cura Italia” del 2020, connessi alle spese di locazione di immobili ad uso non abitativo e riconosciuti sotto forma di crediti d’imposta in misura pari a una percentuale dei canoni effettivamente versati (fino al 60%).

Bonus covid e benefici fiscali

“I benefici fiscali – spiega chi indaga – possono essere direttamente utilizzati per compensare debiti, oppure ceduti, anche in parte e piu’ volte, per lo stesso fine, dandone comunicazione, sia da parte del cedente che del cessionario, attraverso la piattaforma informatica ‘cessione crediti’ messa a disposizione dalla agenzia delle Entrate”. Gli accertamenti hanno riguardato in particolare la societa’ “Crescita Italia Srl”, creata a Roma nell’agosto 2020 dalla famiglia Molinaro di Lamezia Terme, che aveva acquisito crediti per la cifra posta sotto sequestro oggi da 700 persone diverse, per lo più’ extracomunitari che gestiscono piccoli supermercati tra Roma e Napoli.

Le verifiche sui crediti di imposta

Le verifiche hanno portato alla luce la “fittizieta’” dei crediti di imposta, che sono stati ceduti attraverso un sito internet della società’ che operava in tutta Italia e che si proponeva come soggetto giuridico capace di far conseguire alla clientela ‘liquidita’ mediante lo smobilizzo immediato di crediti di imposta derivanti da norme speciali’, acquistandoli e pagandoli subito dopo aver svolto, come dichiarato, controlli documentali circa la loro genuinità, per poi cederli a sua volta a terzi, dietro compenso”. Nei primi dieci mesi del 2021, secondo le indagini, l’impresa avrebbe acquistato crediti di imposta per un valore nominale di oltre 110 milioni da diversi soggetti molti dei quali, in base ai primi riscontri, “risulterebbero privi di consistenza imprenditoriale o, comunque, non potrebbero beneficiare delle agevolazioni fiscali”. Tra le incongruenze rilevate dai finanzieri, l’inserimento nella piattaforma dell’amministrazione finanziaria dei dati di imprenditori per i quali non risulta essere stato registrato alcun contratto di locazione e l’aver sostenuto spese di affitto per centinaia di migliaia di euro all’anno a fronte di dichiarazioni dei redditi per importi molto piu’ modesti.

 

LEGGI ANCHE | Percepivano indebitamente i “Buoni Covid”, sanzionate oltre 100 persone nel Reggino

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Fase 2, Affari Regionali: “Su Calabria preferibile decisione subito”

Mirko

Coronavirus e scuole, il presidente Spirlì al Governo: “Riaperture graduali senza forzature”

bruno mirante

Coronavirus: in giro nonostante divieto, 4 denunce a Montalto Uffugo

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content