Incendi, “Calabria Verde” avvia la bonifica dell’esterno del Parco Li Comuni

Il commissario straordinario Oliva: "Danni contenuti grazie ai corridoi parafuoco realizzati dall’Azienda"

Un lavoro lungo e complesso quello avviato questa mattina da “Calabria Verde”, l’Azienda regionale che si occupa della forestazione, per ripulire l’ingresso del Parco Li Comuni, nel quartiere Siano di Catanzaro, severamente colpito da uno degli incendi che la scorsa settimana hanno aggredito ogni angolo della Calabria. Una squadra di operai-idraulico forestali, attivati dal commissario straordinario Giuseppe Oliva, ha avviato la bonifica dell’esterno dell’ingresso e nel perimetro dell’area colpita dalle fiamme che costeggia la strada provinciale: dalla pulizia alla raccolta degli scheletri anneriti degli alberi divorati dalle fiamme nella parte bassa della pineta, si tratta attività propedeutica a piano d’azione di risanamento di un patrimonio naturalistico eccezionale.

In coincidenza dell’attività di bonifica da parte dell’Azienda, si è svolto un sopralluogo di questa finalizzato a fare il punto della situazione per poter procedere con la rinaturalizzazione delle aree percorse dal fuoco.
Gli addetti di Calabria Verde hanno accompagnato il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, alcuni amministratori comunali, il presidente dell’Ordine degli agronomi e forestali di Catanzaro, Antonio Celi. A risultare particolarmente colpita dal fuoco e a subire le nefaste conseguenze delle fiamme è stata in particolare la parte bassa della pineta. Ma è altrettanto evidente che, vista la potenza aggressiva delle fiamme, innescate da più parti, è stata fondamentale per il contenimento dei danni l’azione di prevenzione realizzata da “Calabria Verde” attraverso la realizzazione di corridoi e fasce parafuoco che hanno preservato il cuore della pineta da conseguenze ancora più disastrose.

In coincidenza dell’attività di bonifica da parte dell’Azienda, si è svolto un sopralluogo di questa finalizzato a fare il punto della situazione per poter procedere con la rinaturalizzazione delle aree percorse dal fuoco.
Gli addetti di Calabria Verde hanno accompagnato il sindaco di Catanzaro Sergio Abramo, alcuni amministratori comunali, il presidente dell’Ordine degli agronomi e forestali di Catanzaro, Antonio Celi. A risultare particolarmente colpita dal fuoco e a subire le nefaste conseguenze delle fiamme è stata in particolare la parte bassa della pineta. Ma è altrettanto evidente che, vista la potenza aggressiva delle fiamme, innescate da più parti, è stata fondamentale per il contenimento dei danni l’azione di prevenzione realizzata da “Calabria Verde” attraverso la realizzazione di corridoi e fasce parafuoco che hanno preservato il cuore della pineta da conseguenze ancora più disastrose.

“Nella drammatica giornata dello scorso 9 agosto, nel corso del quale alte temperature e il forte vento hanno incrementato l’azione distruttrice degli incendi, ci siamo immediatamente resi conto della situazione in cui versava la pineta del Parco Li Comuni, uno dei più importanti polmoni verdi di Catanzaro, attenzionati dalla nostra Azienda, tanto che all’interno è attivo un punto di controllo e vigilanza – ha spiegato il commissario straordinario Oliva -. In stretto contatto con la Sala operativa Aib regionale che ha ingaggiato in maniera tempestiva la squadra dei Vigili del Fuoco. Considerato il contesto, in particolare la vicinanza ad abitazione e alla Casa circondariale, infatti, le operazioni sono state affidate sin dall’inizio ai Vigili del fuoco che oltre ad intervenire con le squadre hanno anche diretto le operazioni di spegnimento dei mezzi aerei intervenuti. Parliamo anche di un canadair che è stato dirottato in tempi record sulla pineta, di un Ericsonn, e di elicotteri nazionali e regionali. In affiancamento sono stati ingaggiati sull’incendio i Volontari giunti da fuori regione ed in particolare due squadre degli alpini. Questo per dire – rimarca Oliva – che per salvare la pineta di Siano è stato messo in campo un lavoro straordinario, frutto dell’impegno costante assicurato dal nostro personale, nonostante le molteplici e varie difficoltà quotidiane affrontate, e del senso del dovere che ha spinto alcuni dei nostri operai a rimanere nell’inferno delle fiamme fino al punto di dover essere tratti in salvo dai vigili del fuoco. Siamo pronti, come sempre, a fare la nostra parte per far rinascere e preservare la Pineta di Catanzaro”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved