Calabria7

Incendi, sindaco calabrese disperato: “Ho evacuato le famiglie, zero soccorsi aerei denuncerò”

La fiamme sono divampate dalla mattinata di ieri tra i boschi di San Basile, in provincia di Cosenza, sul monte Carci, inglobando tutta la valle del fiume Coscile fino a Castrovillari. Il fuoco, alimentato dal vento, ha raggiunto le abitazioni inducendo l’amministrazione comunale a evacuare quattro famiglie. Il sindaco del Comune arbereshe, Vincenzo Tamburi, ha contestato le scelte dei soccorsi chiamati a domare l’incendio impossibile da raggiungere da terra, annunciando che solleciterà l’intervento della magistratura. “Un disastro. Zero risposte aeree, uno schifo – ha scritto Tamburi adirato sui social – denuncerò. Siamo riusciti a mettere in sicurezza le quattro abitazioni e permettere alle persone di farvi ritorno.   E’ stato consumato un attacco criminale alla comunità. Aver fatto evacuare le famiglie è stato il momento più triste della mia esperienza amministrativa. Per fortuna è stato evitato il peggio. Restano i danni al patrimonio boschivo che sono incalcolabili”. Non è il primo sindaco calabrese che lamenta forti ritardi nell’arrivo dei canadair. Nei giorni scorsi i colleghi del Reggino hanno segnalato una pessima gestione degli interventi che ha permesso ai roghi di estendersi a dismisura. Stamattina il rogo è ancora attivo e interessa la montagna a ridosso del paese, sul posto un canadair e un elicottero.

 

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

La Cassazione annulla il sequestro di 37mila euro ai danni di Claudio Parente

Mirko

Cosenza, al XVIII Peperoncino Jazz Festival i travolgenti Hobby Horse

Matteo Brancati

Nuovo sbarco a Crotone, 61 migranti posti in quarantena al Cara

Antonio Battaglia
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content