Calabria7

Incendio Ecoservice, da agosto “ancora fumi nell’aria”

panorama lazzaro

“Ancora oggi presso l’impianto dismesso Ecoservice si registrano emissioni di fumi che potrebbero nuocere alla salute e all’igiene pubblica e che, comunque, in occasione di particolari condizioni atmosferiche, rendono l’aria irrespirabile a causa dei fumi, dall’odore acre, che si propagano in alcune zone del centro abitato di Lazzaro e Motta, determinando situazioni di reale disagio e di allarme”. A dichiararlo è il sindaco Giovanni Verduci che, dopo aver presieduto sabato una riunione con i tecnici comunali, ha scritto nuovamente al prefetto evidenziando come la comunità di Motta San Giovanni sia seriamente e giustamente preoccupata e innervosita dalle conseguenze dell’incendio che dall’1 al 3 agosto ha interessato, in particolare, l’impianto di una società che, nonostante sia in amministrazione giudiziaria e quindi sotto la gestione diretta dello Stato, non è riuscita, oltre alla disponibilità personale dell’amministratore, a dare risposte concrete.

Mercoledì 16 settembre – aggiunge il primo cittadino – tecnici Arpacal, presenti i tecnici comunali, hanno eseguito un sopralluogo presso l’impianto Ecoservice e presso la discarica di località Comunia e, successivamente e su richiesta del Comune, i vigili del fuoco sono intervenuti all’interno della discarica Comunia. Venerdì si è tenuto un incontro presso il Comando dei vigili del fuoco di Reggio Calabria, presenti i tecnici comunali e la società Ecoservice, dove si è discusso del piano di intervento elaborato dall’ufficio tecnico comunale. Nonostante il piano sia stato redatto tenendo conto delle indicazioni dei vigili del fuoco, abbiamo registrato qualche nuova loro perplessità e per questo è stato programmato un nuovo sopralluogo”.

“Al prefetto – conclude quindi Verduci – ho ribadito che è intenzione dell’amministrazione comunale mettere in atto tutte le azioni possibili a difesa della salute pubblica e al mantenimento dell’ordine pubblico presso la comunità di Motta San Giovanni. Inoltre, vista la gravità del caso, ho chiesto un suo autorevole intervento affinché, con immediatezza e senza alcun ulteriore rinvio, i vigili del fuoco possano intervenire, eventualmente anche con spese a carico del Comune, per porre fine a questa situazione che l’intera comunità avverte giustamente come emergenziale”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Carabinieri, scoperte 300 piante di marijuana nel Reggino

Mirko

Comune Reggio, al via lavori comitato tecnico con Ordini

Mirko

Maltempo, crolla il controsoffitto del Pronto soccorso dell’ospedale di Locri

bruno mirante
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content