Calabria7

Incendio Metro Catanzaro, sui cantieri un mese dopo (SERVIZIO TV)

di Nico De Luca – E’ passato un mese da mercoledì 20 marzo scorso quando la città di Catanzaro si svegliava con un grosso incendio in uno dei quartieri a sud.

Nel cantiere della nuova metropolitana di superficie, in località Passo di Salto, qualcuno aveva dato a fuoco la grande catasta di traversine ferroviarie dismesse per lavorare sulla nuova linea.

Un grande progetto da oltre centomilioni di euro cui è assegnato il compito di cambiare l’assetto della mobilità urbana da nord a sud, e dal centro alle grosse infrastrutture di Germaneto.

Molte circostanze convergevano dritte vero la pista malavitosa: la tecnica tipica di una intimidazione, la zona di Aranceto teatro di una importante operazione anticriminalità nei mesi scorsi; la vigilia della manifestazione regionale di Libera per la legalità proprio a Catanzaro; un grosso appalto molto appetibile.

LA PRIMA NOTIZIA SU CALABRIA7.IT

A quattro settimane da quel rogo Calabria7 ha voluto parlare direttamente con uno dei dirigenti responsabili del cantiere. Motivi di opportunità e le lungaggini per la trafila di autorizzazioni ci hanno fatto propendere per una intervista a telecamera spenta che riportiamo in sintesi.

Il quadro che ne è venuto fuori è per fortuna molto incoraggiante. In tutti i punti-cantieri della costruenda metro di Catanzaro – ci riferisce il dirigente del consorzio appaltante – dopo quell’episodio di cronaca finito anche sui media ed i tG nazionali, si è continuato a lavorare con grandissima tranquillità.

La tesi prevalente è che sia stato un episodio isolato sfuggito di mano a qualche balordo. Si punta molto sulle indagini della polizia che conosce bene luoghi e persone. Del resto su tutto il perimetro di cantiere sono attivi e funzionanti importanti sistemi di sicurezza ordinari e straordinari che il grande cantiere Vianini ha sottoscritto con la Prefettura.

Ogni giorno i responsabili della ditta riportano il resoconto anche scritto di quanto accade sui vari punti-cantiere alle forze dell’ordine le quali eventualmente lo incrociano con i riscontri della video sorveglianza.  Superfluo specificare che sui cantieri della metro di Catanzaro non è mai arrivata alcuna richiesta estorsiva.

Un ultimo passaggio il dirigente lo riserva alla città: Catanzaro l’abbiamo subito sentita vicina a noi. Una forma di resilienza che vogliamo ripagare. Questa metropolitana deve rappresentare una riqualificazione per l’intero territorio che i treni andranno a collegare e ricucire tra loro.

E chissà se davvero per una volta i pregiudizi ed il luoghi comuni di un episodio, per quanto spiacevole, si apprestano ad essere spazzati via dalla forza stessa dell’opera e dalla sua capacità di incidere sul tessuto socio-economico della città.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Catanzaro, consegnati i premi Carlino d’Argento 2019 (SERVIZIO TV)

Maurizio Santoro

San Francesco Hospital, revocati arresti domiciliari ad operatore Oss

manfredi

È catanzarese la commercialista più giovane d’Italia

manfredi
Click to Hide Advanced Floating Content