Calabria7

Inchieste Farmabusiness e Cuore Matto, l’Asp di Catanzaro si costituisce parte civile

asp Catanzaro coronavirus

L’Asp di Catanzaro si costituisce parte civile nei procedimenti “Farmabusiness” e “Cuore Matto”. Su proposta della terna commissariale che guida l’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro è stato affidato l’incarico all’avvocato Rosa Sabrina Antonella Caglioti dell’ufficio legale aziendale.

Nel primo caso si tratta del procedimento a carico di 25 persone, condotto dai carabinieri sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro sugli intrecci tra politica, imprenditoria e ‘ndrangheta nella distribuzione di farmaci, che anno riguardato l’operatività della cosca di ‘ndrangheta Grande Aracri di Cutro.

Nel caso di “Cuore Matto”, i finanzieri del Comando provinciale di Catanzaro hanno dato esecuzione ad un’ordinanza cautelare, emessa dal Gip Gaia Sorrentino, al termine di una articolata indagine nei confronti della clinica privata “Villa Sant’Anna” per una serie di presunti falsi ricoveri tra il 2013 e il 2019 al fine di percepire rimborsi dal servizio sanitario regionale per una somma pari a 10,5 milioni di euro.

LEGGI ANCHE | Operazione Farmabusiness, minacce a funzionarie Asp per ottenere nullaosta
LEGGI ANCHE | Farmabusiness, Asp e Prefettura di Catanzaro chiedono gli atti alla Dda

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Passeggia su Viale Isonzo a Catanzaro, ma è ai domiciliari: arrestato

manfredi

Catanzaro: “Mancava solo il bollo di Striscia la Notizia”

manfredi

Sfonda la finestra di un ristorante per rubare gli alcolici allertando il titolare

Maria Teresa Improta
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content