Inchieste Rsa: Guccione, silenzio assordante e inerzia della Regione

Rsa Torano, Guccione

“La Regione Calabria non può rimanere passiva, non può restare ferma a guardare l’evolversi delle vicende”. Lo afferma il consigliere regionale del Pd, Carlo Guccione, definendo “allarmante il quadro che sta emergendo in questi giorni in Calabria sulle Rsa e sulle strutture socio assistenziali che accolgono persone in difficoltà, anziane e con disabilità, finite in questi giorni anche sotto la lente degli investigatori”.

Secondo Guccione “al momento risultano emblematici i casi delle Rsa di Chiaravalle e di Villa Torano. Il silenzio assordante da parte della Regione rischia di gettare un’ombra sul suo operato. Oggi è necessario che la Regione autonomamente avvii una attività ispettiva sulle strutture e le prestazioni sanitarie e socio sanitarie erogate. Il compito della Regione Calabria è quello di vigilanza e controllo: com’è evidente dai fatti, questo compito –sostiene il consigliere regionale del Pd – non è stato svolto adeguatamente nel corso di questi anni”  Guccione chiede “un’operazione trasparente e per questo deve essere coinvolto l’intero Consiglio regionale e la Terza commissione Sanità e attività sociali. In Calabria si riveda in modo sistematico l’organizzazione delle strutture sanitarie e socio assistenziali avendo la certezza che al centro del sistema ci sia il cittadino e non meramente interessi contabili o di profitto. Bisogna mettere mano a una vera e propria riforma strutturale che superi la mancata integrazione, tutta calabrese, dei servizi socio assistenziali con quelli sanitari. Non è più possibile – conclude il consigliere regionale del Pd – che si operi con un Piano regionale degli interventi in materia di servizi e politiche sociali fermo agli anni 2007-2009, mentre le altre regioni d’Italia non solo lo hanno aggiornato ma l’hanno integrato dando vita ad unico Piano di servizi sanitari e socio assistenziali. Questo serve ora alla Calabria”.

Secondo Guccione “al momento risultano emblematici i casi delle Rsa di Chiaravalle e di Villa Torano. Il silenzio assordante da parte della Regione rischia di gettare un’ombra sul suo operato. Oggi è necessario che la Regione autonomamente avvii una attività ispettiva sulle strutture e le prestazioni sanitarie e socio sanitarie erogate. Il compito della Regione Calabria è quello di vigilanza e controllo: com’è evidente dai fatti, questo compito –sostiene il consigliere regionale del Pd – non è stato svolto adeguatamente nel corso di questi anni”  Guccione chiede “un’operazione trasparente e per questo deve essere coinvolto l’intero Consiglio regionale e la Terza commissione Sanità e attività sociali. In Calabria si riveda in modo sistematico l’organizzazione delle strutture sanitarie e socio assistenziali avendo la certezza che al centro del sistema ci sia il cittadino e non meramente interessi contabili o di profitto. Bisogna mettere mano a una vera e propria riforma strutturale che superi la mancata integrazione, tutta calabrese, dei servizi socio assistenziali con quelli sanitari. Non è più possibile – conclude il consigliere regionale del Pd – che si operi con un Piano regionale degli interventi in materia di servizi e politiche sociali fermo agli anni 2007-2009, mentre le altre regioni d’Italia non solo lo hanno aggiornato ma l’hanno integrato dando vita ad unico Piano di servizi sanitari e socio assistenziali. Questo serve ora alla Calabria”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Si trova attualmente agli arresti domiciliari ed è accusato di aver perseguitato con diverse condotte una donna conosciuta nel corso di una cena
Il prossimo sabato 25 maggio l’incontro “Con Giorgia i giovani cambiano l’Europa”. Ci saranno i candidati alle elezioni europee
La squadra in Lombardia con un volo charter. Si trasferirà in una struttura vicino a Cremona per il ritiro prepartita abituale
L'imputato secondo l'accusa, si sarebbe fatto praticare rapporti orali da una minorenne in cambio di una somma di denaro
Operazione della Guardia di Finanza nel contrasto al lavoro sommerso. Scoperti dodici lavoratori completamente senza contratto
Torna a crescere la fiducia degli italiani verso le istituzioni, pubbliche e private, ma solo una parte raccoglie oltre la metà dei consensi
Interrogatorio di garanzia davanti al gip di Vibo. Ha risposto a tutte le domande l’ex direttrice amministrativa Valentina Amaddeo. Prodotta una memoria difensiva
L'ordinanza sulla sicurezza dei bagnanti comprende i Comuni da Simeri Crichi a Monasterace fino alla foce del torrente Assi
Ne dà notizia in una nota l'ateneo, spiegando che le circostanze della morte dell'avvocato e giurista "sono in corso di accertamento"
Del caso si sta occupando la Squadra Mobile. Sul luogo dell'agguato la polizia scientifica ha recuperato ben 5 bossoli
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved