Indagata per corruzione la reggente dell’ufficio scolastico regionale Giovanna Boda

Avrebbe ricevuto del denaro da un noto psicoterapeuta ed editore. Boda aveva preso il posto di Maria Rita Calvosa a sua volta indagata a Vibo

Giovanna Boda, dirigente di prima fascia e capo del Dipartimento per la programmazione e la gestione delle risorse umane, finanziarie e strumentali del Ministero dell’Istruzione nonché coreggente dell’Ufficio scolastico regionale calabrese è indagata per corruzione dalla Procura di Roma. Lo rende noto il Quotidiano La Verità di Maurizio Belpietro in un articolo a firma di Giacomo Amadori.

“Ieri – si legge nell’articolo – gli investigatori del Nucleo di Polizia valutaria della Guardia di finanza hanno perquisito la sua casa romana, l’ufficio di viale Trastevere e una soffitta “nella disponibilità della donna”. I finanzieri hanno passato al setaccio anche abitazioni e uffici di Federico Bianchi di Castelbianco, il presunto corruttore, e di Valentina Franco, stretta collaboratrice della Boda. Il sessantanovenne romano Bianchi è un noto psicoterapeuta, nonché editore dell’agenzia Dire, “specializzata in politiche parlamentari e di governo, politiche regionali e locali, oltre che su esteri, welfare, sanità, ambiente, scuola e giovani”.

“Ieri – si legge nell’articolo – gli investigatori del Nucleo di Polizia valutaria della Guardia di finanza hanno perquisito la sua casa romana, l’ufficio di viale Trastevere e una soffitta “nella disponibilità della donna”. I finanzieri hanno passato al setaccio anche abitazioni e uffici di Federico Bianchi di Castelbianco, il presunto corruttore, e di Valentina Franco, stretta collaboratrice della Boda. Il sessantanovenne romano Bianchi è un noto psicoterapeuta, nonché editore dell’agenzia Dire, “specializzata in politiche parlamentari e di governo, politiche regionali e locali, oltre che su esteri, welfare, sanità, ambiente, scuola e giovani”.

Nel decreto di perquisizione si legge che la Boda, già direttore generale per lo studente, l’integrazione e la partecipazione del ministero dell’Istruzione, università e ricerca (Miur), in veste di pubblico ufficiale, “riceveva indebitamente per l’esercizio delle sue funzioni e/o dei suoi poteri” da Bianchi “somme di denaro e/o utilità per sé e/o per terzi per complessivi 679.776,65 euro”». «La donna avrebbe avuto in uso anche la carta di credito dell’uomo e la avrebbe utilizzata per ogni genere di spesa, non tutte destinate a lei. Per quanto riguarda la contropartita gli inquirenti annotano che Bianchi è il legale rappresentate dell’Istituto di ortofonologia srl nonché «socio e amministratore di fatto» della Com.e, Comunicazione ed editoria srl «società aggiudicatarie di affidamenti ciascuna di 39.950 euro da parte del Miur con decreti a firma della Boda”.

Giovanna Boda è al momento come già sottolineato è reggente dell’Usr della Calabria insieme a Stefano Versari al posto di Maria Rita Calvosa, sollevata momentaneamente dall’incarico dopo lo scandalo del mercimonio di titoli e attestati e, soprattutto, degli episodi di corruzione che sarebbero avvenuti nel Vibonese indagine in cui è indagata.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
"La mia Giunta continuerà a vigilare e a investire sul miglioramento del sistema depurativo dei nostri Comuni e sulla tutela del nostro patrimonio naturale"
"Il mio appello - ha detto il sindaco di Catanzaro - è rivolto a tutte le tifoserie calabresi: isolate i violenti e i facinorosi"
Il pugno di ferro usato dalla Procura di Catanzaro è suonato come un campanello d’allarme per coloro che gestiscono il ciclo depurativo calabrese
Tutte le bottiglie sono andate esaurite durante la presentazione a Cosenza, nella sede dell'Ais con la presidente nazionale Daniela Mastroberardino
Secondo l'accusa, avrebbe assicurato una rete di protezione e comunicazione tra i vertici del clan per il quale si sarebbe reso parte attiva nella realizzazione del programma criminoso
Il principe ha avanzato la proposta durante un colloquio col presidente del Consiglio regionale, precisando che si tenga "ferma la denominazione geografica"
Secondo quanto appreso, il decesso sarebbe avvenuto per emorragia cerebrale dovuta a una caduta. Non sono però del tutto chiare le circostanze
L'encomio al direttore del fast food preso d'assalto e la solidarietà alle forze dell'ordine. Chiesta anche chiarezza sul rispetto del numero di tifosi ospiti
Il negozio, gestito da un cittadino cinese, vendeva numerosi prodotti di bigiotteria e accessori per la telefonia destinati anche a minori
scirocco
Nel corso delle indagini sono stati sequestrati 4 depuratori. Il procuratore Capomolla: "Maxi ribassi, enormi risparmi, sversamenti illeciti di fanghi anche in mare"
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved