Installati i pontili a Catanzaro, Celia: “Fatto importante per l’economia del quartiere”

Catanzaro, secondo il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, "non può e non deve essere la città delle cicale e degli struzzi. Di chi cioè parla, senza mai aver fatto nulla"
pontili catanzaro

“Catanzaro non può e non deve essere la città delle cicale e degli struzzi. Di chi cioè parla, senza mai aver fatto nulla. O, al contrario, ha fatto, e male, e adesso infila la testa sotto la sabbia. Ma non prima di aver avuto l’ardire di criticare quanti provano invece a cambiare le cose”. Lo scrive, in una nota, Fabio Celia, consigliere comunale di Catanzaro e capogruppo del Pd nell’assise cittadina, il quale fa riferimento all’amministrazione di centrosinistra alla guida della città.

Installazione dei pontili

Installazione dei pontili

Amministrazione che, fa notare Celia, “dopo l’acquisizione del Cinema Orso e il riconoscimento della bandiera blu adesso, a strettissimo giro, ha anche proceduto con l’installazione dei pontili nel porto di Lido! Questo, malgrado sia al lavoro da meno di un anno. Dieci mesi circa, per l’esattezza, in cui però di cose positive ne ha già fatte tante. Certo, lo so pure io che tutto è migliorabile. Ci mancherebbe. Ma noi siamo alacremente impegnati per far riprendere a Catanzaro l’ormai dimenticato posizionamento nel panorama regionale e anche, se non soprattutto, la sua dignità e credibilità”.

“Al di là di tutto – prosegue Celia – la bandiera blu e il montaggio dei pontili assumono un significato importante per l’economia di un quartiere, un’area sud e un’intera città, completamente distrutti dal ventennio di potere clientelare di centrodestra. Un sistema basato, lo ribadisco, su un clientelismo becero fatto di riparazioni di buche ‘sotto casa’, taglio di erbacce dove interessa, rapido rilascio di certificati e così via”.

“Non presto fede ai detrattori di professione”

Celia aggiunge: “Pur essendo vigile su tutto ciò che accade a Catanzaro nella mia qualità di pubblico amministratore oltreché di capogruppo del Partito Democratico in Comune, non presto fede ai detrattori di professione. A quanti sanno solo aprire la bocca per criticare. A loro, però, dico semmai di scendere in campo e misurarsi nel concreto. Soprattutto se fanno… politica attiva. Così da capirne la forza e il consenso oltreché la validità dei progetti per amministrare il capoluogo. Altrimenti saranno soltanto delle cicale e degli struzzi, che contribuiscono a distruggere. Perché se non si è obiettivi, non si vive una condizione di normalità e non si rispettano elementari norme di civile convivenza, si è dannosi chiacchieroni complici di chi ha fatto vivere alla nostra amata Catanzaro una terribile fase di oscurantismo”.

“Una sorta di nuovo Medioevo, da cui noi stiamo cercando di farla uscire pur facendo tanta fatica. Ma preferiamo il Rinascimento al Medioevo e quindi – conclude Celia – procediamo, come sempre, in direzione ostinata e contraria”.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved