Insulti, pugni e spranghe di ferro contro un 13enne: quattro minori indagati per bullismo

Per mesi il quartetto ha vessato il compagno di scuola, prima solo a parole e poi passando alla violenza fisica. La vittima è finita in ospedale

Da mesi vessavano un compagno di scuola di 13 anni offendendolo, tirandogli i capelli, prendendolo a pugni e in un’occasione facendolo cadere dalla bicicletta per poi picchiarlo e scagliargli contro un pezzo di ferro che gli aveva causato un profondo taglio: con questa accusa quattro minorenni sono stati denunciato dai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza, in provincia di Reggio Emilia.

È stato l’ultimo episodio, che ha procurato alla vittima lesioni personali giudicate guaribili in 15 giorni, a indurre i genitori a rivolgersi ai carabinieri per denunciare. A conclusione delle indagini, per i quattro minori è scattata l’accusa di concorso in lesioni personali aggravate, percosse e molestia o disturbo alle persone alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.

È stato l’ultimo episodio, che ha procurato alla vittima lesioni personali giudicate guaribili in 15 giorni, a indurre i genitori a rivolgersi ai carabinieri per denunciare. A conclusione delle indagini, per i quattro minori è scattata l’accusa di concorso in lesioni personali aggravate, percosse e molestia o disturbo alle persone alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna.

Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine delle valutazioni e determinazioni inerenti all’esercizio dell’azione penale. In origine il quartetto si era “limitato” ad offendere, insultare e molestare la vittima, sia a scuola che in ogni luogo che il ragazzo frequentava. Poi, dall’estate scorsa, i quattro sono passati alle violenze fisiche picchiando la vittima in almeno sei occasioni. La prima nel luglio del 2023 in un parco pubblico della Val d’Enza, dove il giovane è stato colpito con un pugno. Successivamente, nel mese di agosto, in un campo sportivo del reggiano è stato spintonato, fatto cadere a terra e insultato. A ottobre, all’uscita da scuola, è stato offeso e preso per i capelli mentre il giorno successivo, alla fermata dell’autobus, il gruppo è arrivato ad afferrare per il collo il ragazzo.

Infine l’ultimo episodio, avvenuto lo scorso mese di gennaio, che ha indotto i genitori a rivolgersi ai carabinieri per denunciare quanto il figlio subiva da tempo. Il ragazzo in sella alla bicicletta si stava recando presso un centro studi quando ha incontrato i suoi presunti aggressori che lo hanno fatto prima cadere dalla bicicletta, poi preso a pugni e infine gli hanno lanciato un pezzo di ferro procurandogli un profondo taglio sulla gamba destra. I genitori, che nel passato avevano cercato di chiedere spiegazioni ai 4 minori sul loro atteggiamento venendo a loro volta offesi, si sono rivolti ai carabinieri di Sant’Ilario d’Enza denunciando i fatti. (AGI)

Foto di repertorio

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Nel corso dell'incontro sarà presentato il dossier elaborato dai circoli locali di Legambiente basato sulla campagna di monitoraggio effettuata su alcune aste fluviali
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved