Intercettazioni, Gratteri: “La riforma di Nordio è un regalo alle mafie. Indagini a rischio”

Il procuratore capo di Catanzaro sulla riforma prospettata dal Guardasigilli: "Cambiare le norme sulle intercettazioni non serve né ad evitare abusi né a tutelare la privacy"
Intercettazioni Gratteri

“Cambiare le norme sulle intercettazioni non serve né ad evitare abusi né a tutelare la privacy”. Lo dichiara il procuratore capo di Catanzaro Nicola Gratteri, intervistato da La Stampa, ritenendo infondate le motivazioni espletate dal Guardasigilli Carlo Nordio. “Poniamo – spiega con un esempio il magistrato calabrese – di essere davanti ad un reato di emissione di fatture per operazioni inesistenti. Con le indagini tradizionali, come le verifiche fiscali, si può giusto arrivare ai prestanome, senza patrimonio e ignari del meccanismo. I veri registi, i professionisti compiacenti e i beneficiari dei profitti, tutti sempre coinvolti in organizzazioni di stampo criminale, non si colpiranno mai senza intercettazioni “.

Nicola Gratteri continua facendo prendendo ad esempio anche la corruzione mediante consulenze fittizie: “Senza intercettazioni gli inquirenti acquisiranno contratti di consulenza e pagamenti mediante bonifici apparentemente regolari. Ma non potranno dimostrare che le parcelle sono in realtà mazzette da destinare a pubblici ufficiali. Le intercettazioni – rivela il procuratore capo di Catanzaro – sono fondamentali. La riforma prospettata dal ministro della Giustizia metterebbe a rischio “inchieste su reati contro la pubblica amministrazione, organizzazioni dedite a rapine ed estorsioni: un lungo elenco. Sarebbe – conclude Gratteri – un vero regalo alle mafie“.

Nicola Gratteri continua facendo prendendo ad esempio anche la corruzione mediante consulenze fittizie: “Senza intercettazioni gli inquirenti acquisiranno contratti di consulenza e pagamenti mediante bonifici apparentemente regolari. Ma non potranno dimostrare che le parcelle sono in realtà mazzette da destinare a pubblici ufficiali. Le intercettazioni – rivela il procuratore capo di Catanzaro – sono fondamentali. La riforma prospettata dal ministro della Giustizia metterebbe a rischio “inchieste su reati contro la pubblica amministrazione, organizzazioni dedite a rapine ed estorsioni: un lungo elenco. Sarebbe – conclude Gratteri – un vero regalo alle mafie“.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Messa in sicurezza l’area, è stato chiuso al traffico il tratto interessato dal rogo per il tempo necessario alle operazioni di spegnimento
Il governatore: "La nostra terra ha vitigni eccellenti e tante piccole cantine"
Ordinato sacerdote nel 1936 fu membro per sedici anni della Compagnia di Gesù, insegnando filosofia e teologia
Sul posto il personale medico del 118 ed i carabinieri per i rilievi del caso, assieme a squadre dell'Anas
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved