Intervento innovativo per un ragazzo di 15 anni con un braccio paralizzato

La paralisi era causata dall'interruzione delle fibre nervose che controllano i movimenti del braccio sinistro, dopo un incidente che gli aveva provocato un grave politrauma
intervento braccio

Per ripristinare la funzione del braccio sinistro paralizzato, un ragazzo di 15 anni è stato sottoposto con successo a un intervento chirurgico con una tecnica mai prima utilizzata in Italia, nella Neurochirurgia dell’ospedale Molinette della Città della salute di Torino. La paralisi era stata causata dall’interruzione completa delle fibre nervose che controllano i movimenti del braccio sinistro, dopo un incidente stradale che gli aveva provocato un grave politrauma con amputazione della mano.

L’unica soluzione

Ricostruita la mano a Perugia, la paralisi restava. L’unica soluzione in questi casi è prelevare un tratto di nervo sano e impiantarlo nel plesso brachiale lesionato, che controlla i movimenti del braccio. Il nervo utile è il nervo frenico, che origina a livello delle prime vertebre cervicali, discende nel collo e quindi all’interno del torace. I chirurghi l’hanno fatto applicando una tecnica di prelievo del nervo di tipo mini-invasivo, che consente di conservare integralmente la porzione del nervo frenico intratoracico prelevato per massimizzare le possibilità di riuscita dell’intervento. La tappa successiva è stato il reimpianto nel braccio, per collegarlo ai nervi non funzionanti e consentirne una nuova crescita quotidiana in modo da ripristinare la funzione motoria. (ANSA)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Il pubblico ministero non aveva chiesto la condanna o l’assoluzione per maltrattamenti in famiglia ma il giudice aveva già deciso
Chi viene sorpreso al volante con lo smartphone in mano avrà la patente sospesa per una settimana se su questa ci sono almeno 10 punti
Il cane sarebbe scappato da una casa approfittando del cancello aperto: non sarebbe il primo episodio di aggressione
A seguito delle querele sporte dagli automobilisti coinvolti, la polizia ha individuato la donna e l'ha denunciata
L’uomo, un assistente capo coordinatore del Corpo di polizia penitenziaria, lavorava nel servizio a turno ed era stato anche aggredito 4/5 anni fa
"Il governo Meloni - ha detto la sottosegretaria - imprime una forte accelerata alle attività messe in campo per sottrarre al degrado una delle zone più critiche sotto il profilo ambientale"
Il generale dovrà spiegare ai pubblici ministeri che cosa accadde quando era il rappresentante della Difesa in Russia
Lo scopo è quello di evitare la commissione di reati più gravi da parte di persone ritenute socialmente pericolose
Una riunione formale, diversi punti tracciati e soprattutto tante nuove iniziative da proporre
"Qualora dovesse paventarsi un’intenzione seria che vada in quella direzione - afferma Comito - siamo pronti ad attivarci in ogni sede"
RUBRICHE

Calabria7 utilizza cookie, suoi e di terze parti, per offrirti il miglior servizio possibile, misurare il coinvolgimento degli utenti e offrire contenuti mirati.

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved