Intervento record all’ospedale “Annunziata” di Cosenza, rimosso utero da 16 chili

Il decorso post operatorio, fa sapere la direzione aziendale dell'ospedale, procede nella norma
utero cosenza

Intervento da record, con anestesia epidurale, all’ospedale Annunziata di Cosenza. L’equipe guidata dal professore Michele Morelli ha infatti rimosso un utero del peso di circa 16 chilogrammi ad una paziente dell’età di 76 anni. La paziente, rimasta sveglia per tutta la durata dell’operazione, si è presentata al pronto soccorso del nosocomio bruzio in condizioni gravi. La massa uterina comprimeva i grossi vasi e le ossa della colonna vertebrale del bacino della donna. “Ci siamo assunti il rischio di intervenire – spiega il professore Morelli in un comunicato inviato dall’azienda sanitaria – anche perché la paziente versava in uno stato di profondo deperimento a causa della difficoltà di mangiare, poiché la massa uterina comprimeva anche l’intestino”. L’intervento di isterectomia non ha presentato grosse difficoltà. Il decorso post operatorio, fa sapere la direzione aziendale dell’ospedale, procede nella norma. La paziente sta bene e presto sarà dimessa dal nosocomio di Cosenza.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved