Preti minacciati nel Vibonese, Camillo Falvo: “Quando si lavora bene, si intaccano interessi”

"Le operazioni Maestrale e Carthago hanno squarciato un velo in una comunità apparentemente tranquilla, ma che così tranquilla non è"

“Quando sono due i parroci colpiti e poiché alcune delle lettere di minacce non riguardano solo i parroci ma anche il vescovo, evidentemente si vuole colpire anche la diocesi e l’azione riformatrice portata avanti dal vescovo”. A parlare è il procuratore di Vibo Valentia, Camillo Falvo, in intervista all’Avvenire pubblicata oggi.

Durante l’intervista, Falvo conferma il sostegno al vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, don Attilio Nostro. “È una persona straordinaria. Gestire una diocesi così complessa come quella di Vibo Valentia per il territorio su cui opera, non è facile, ma ce la sta mettendo tutta, sta bene operando. E quando si opera bene e si intaccano certi interessi poi alla fine questo è il risultato”, afferma.

Durante l’intervista, Falvo conferma il sostegno al vescovo di Mileto-Nicotera-Tropea, don Attilio Nostro. “È una persona straordinaria. Gestire una diocesi così complessa come quella di Vibo Valentia per il territorio su cui opera, non è facile, ma ce la sta mettendo tutta, sta bene operando. E quando si opera bene e si intaccano certi interessi poi alla fine questo è il risultato”, afferma.

Secondo quanto esposto dal procuratore, le operazioni “Maestrale” e “Carthago”, hanno “squarciato un velo” in una comunità apparentemente tranquilla, “ma che così tranquilla non è”. “È stato attaccato il commissario prefettizio, è stata attaccata una volontaria dell’associazione Crisalide, espressione della società civile, vengono attaccati due sacerdoti. Questo dimostra che c’è qualcosa che evidentemente non va bene a un sistema consolidato. Non sono ragazzate”, ricorda.

Il procuratore sostiene di avere conosciuto don Felice, vittima recente di un tentativo di avvelenamento, due anni fa, in un’iniziativa promossa in parrocchia sul tema della legalità. “Mi sarei aspettato, visto quello che sta accadendo, che qualche informazione ci arrivasse, perché è difficile che non si sappia o comunque non si possa ipotizzare qualcosa, in frazioni dove in genere qualcosa si sa. Invece nulla. È preoccupante che in una realtà così piccola non ci sia nessuno che parli”, afferma.

Provincia di Vibo, territorio trascurato

Il Vibonese, sostiene il procuratore, è stato a lungo un territorio trascurato che, da un punto di vista criminale, “è tutt’altro che una periferia”. “Molte delle inchieste più importanti degli ultimi anni in Calabria si sono concentrate proprio sul Vibonese. Abbiamo svolto un’enorme mole di lavoro che ha dato questi risultati. Ma voglio ricordare anche la grande quantità di Comuni sciolti per mafia e di interdittive antimafia che dimostra che Vibo per troppo tempo è stata trascurata dall’azione dello Stato complessivamente, forze dell’ordine e magistratura”, dice.

Durante l’intervista, Falvo dice che i preti vengono attaccati o minacciati perché “diventano scomodi” anche per le cose più banali. “Non c’è più quel rispetto che c’era una volta verso le istituzioni religiose. Questo si percepisce. Ci sono realtà in cui fare bene il prete, portare a termine la propria missione, in modo limpido, trasparente, nel rispetto della legalità, è scomodo”, puntualizza.

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Le osservazioni in vista della conferenza di impatto ambientale
L'aspirante primo cittadino parla anche delle "condizioni disagevoli per l’erogazione delle prestazioni" e del "sovraccarico di lavoro"
Il più grande festival della regione, dall’anima itinerante e dal respiro internazionale, sarà inaugurato lunedì 15 aprile
Intanto il ministro dell'Interno, Matteo Piantedosi, è in contatto con i prefetti delle città italiane
L'uomo non ha saputo specificare la provenienza del denaro che per gli investigatori sarebbe frutto di illeciti
Un evento che ha riunito i congregari presenti, finalizzato all’approvazione dei documenti contabili dell'associazione
Romano Bucci: "Si è trattato di uno scontro di gioco su un cross, uno dei due ragazzi intervenuti ha avuto la peggio con un trauma cranico"
Tra le Regioni con performance ‘intermedie’ nella spesa sviluppo software figura anche la Calabria
l'inviato
Sotto osservazione l’impianto consortile di Acquaro, Arena e Dasà da cinque anni fermo e quello di Pizzo che vomita in mare di tutto
Segnalata diverse criticità nel Catanzarese. I vigili del fuoco impegnati senza sosta anche in provincia di Cosenza
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved