Investito e ucciso dall’amico dopo un diverbio. Incastrato dalle telecamere e arrestato

Sarebbero volate parole grosse per futili motivi e qualche spinta, ma nulla che potesse far pensare a un tragico epilogo
incidente montalto

La morte di Giampiero Larivera, 54 anni, investito ieri intorno all’una della notte a Pedaso da un’auto guidata da un amico è conseguenza di una resa dei conti dopo un diverbio per futili motivi in un bar. Le testimonianze e le immagini delle telecamere della zona hanno permesso ai carabinieri di ricostruire quanto è accaduto: prima la cena tra amici cinquantenni in un ristorante del lungomare, al termine della quale un gruppo si è spostato in un bar, all’interno del quale è nato un diverbio con alcuni ventenni.

Sarebbero volate parole grosse e qualche spinta, ma nulla che facesse pensare a un tragico seguito. Tre dei cinquantenni hanno preso l’auto e si sono fermati a poca distanza dal bar; qui sono stati raggiunti dal gruppo di giovani e c’è stato un nuovo contatto fisico, ripreso da una telecamera della zona. Nelle immagini si vedrebbe un’auto che investe tre persone, probabilmente nel tentativo di allontanarsi: una è deceduta sul posto, la seconda, un 24enne di Campofilone, è rimasta ferita e trasferita all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, la terza è uscita illesa dall’impatto. Alla guida della vettura c’era uno dei cinquantenni, che è stato rintracciato dai carabinieri e arrestato. (Agi)

Sarebbero volate parole grosse e qualche spinta, ma nulla che facesse pensare a un tragico seguito. Tre dei cinquantenni hanno preso l’auto e si sono fermati a poca distanza dal bar; qui sono stati raggiunti dal gruppo di giovani e c’è stato un nuovo contatto fisico, ripreso da una telecamera della zona. Nelle immagini si vedrebbe un’auto che investe tre persone, probabilmente nel tentativo di allontanarsi: una è deceduta sul posto, la seconda, un 24enne di Campofilone, è rimasta ferita e trasferita all’ospedale regionale di Torrette di Ancona, la terza è uscita illesa dall’impatto. Alla guida della vettura c’era uno dei cinquantenni, che è stato rintracciato dai carabinieri e arrestato. (Agi)

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
Il gup nelle motivazioni della sentenza: "era a conoscenza dei rapporti tra 'ndrangheta e servizi segreti"
I genitori hanno scoperto casualmente un anno fa della malattia del figlio, dopo una serie di accertamenti
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved