Irto e De Caro a Vibo per tirare la volata al candidato sindaco del centrosinistra Enzo Romeo

A Palazzo Gagliardi tutto intorno all'aspirante primo cittadino: "Riparare i guasti del centrodestra per una città libera e viva"

“Una città libera e viva. Al nostro candidato sindaco Vincenzo Romeo affidiamo questo compito che non sarà certamente facile”. Ieri pomeriggio, a palazzo Gagliardi, ha esordito con queste parole cariche di speranza il segretario in regionale del Pd Nicola Irto il quale, ancora una volta, si è fatto trovare accanto al candidato della coalizione di centrosinistra che non perde occasione per presentare e spiegare il suo progetto politico teso a fare rinascere la città capoluogo dopo 15 anni di governo del centrodestra. A dare man forte alla coalizione progressista, che punta a vincere le elezioni comunali dell’8 e 9 giugno prossimi, sono arrivati a Vibo i sindaci di Bari e Reggio Calabria Antonio De Caro e Giuseppe Falcomatà.

De Caro e il linciaggio mediatico

De Caro e il linciaggio mediatico

Incandescente l’intervento del primo cittadino di Bari il quale ha raccontato la sua ascesa politica facendo rinascere Bari da una condizione di grave sottosviluppo. Di recente il primo cittadino è finito nel tritacarne di una campagna mediatica nel corso della quale esponenti di punta del centrodestra hanno chiesto le sue dimissioni. Il presidente dell’Anci, pur non essendo indagato, ha dovuto tenere duro per non essere spazzato via dallo scandalo che ha coinvolto una società comunale. “A darmi la forza di resistere al duro linciaggio mediatico è stata la popolazione che non mi ha mai fatto mancare la sua fiducia. Male non fare – ha sottolineato – e paura non avere. Mi sentivo la coscienza a posto. Ho amministrato con grande impegno. Fare il primo cittadino non è stato facile. I primi anni mi sentivo una sorta di capo condomino. Dovevo intervenire su ogni emergenza. Non avevo un attimo di tregua. I cittadini mi consideravano il loro ‘santo protettore’. Ho fatto due legislature e di problemi ne abbiamo risolti veramente tanti”.

De Caro, si è fatto vedere accanto al candidato sindaco Romeo, perché corre per un scranno al Parlamento Europeo. “Se sarò eletto – ha aggiunto – porterò a Bruxelles la mia esperienza di primo cittadino. In Europa si va per portare i problemi dei cittadini italiani che sono veramente tanti. Farò di tutto per mantenere lo stesso impegno che ho messo per governare una delle città più complesse di tutto il Meridione d’Italia. Faccio i migliori auguri ad Enzo. Fare il sindaco è una esperienza meravigliosa. Gli auguro di vincere per mettersi al servizio della gente comune. Il ruolo di primo cittadino è esaltante. Ho imparato tantissimo governando Bari per dieci anni”.

Enzo Romeo: “Dovremo riparare i guasti del centrodestra”

Romeo, trascinato dall’entusiasmo del sindaco di Bari, si è presentato agli elettori come un baluardo di legalità e trasparenza. Il candidato del centrosinistra, forte della sua personalità e dei valori che sono alla base del suo progetto politico, ha assicurato che il suo impegno sarà massimo per portare la sua coalizione alla vittoria. “Dopo i guasti del centrodestra – ha commentato – Non sarà facile mettere tutto in ordine. In caso di vittoria bisogna cambiare passo nella gestione della ‘cosa pubblica’. I cittadini si aspettano cinque anni di buon governo.”

© Riproduzione riservata

TI POTREBBE INTERESSARE
L'appuntamento è per domenica 16 giugno e al centro dell'iniziativa ci sarà la terza età. Il titolo è già tutto un programma: "Siamo tutti anziani"
Secondo quanto raccontato da "Basta vittime sulla statale 106": il conducente della vettura sbalzato fuori dall'abitacolo e incastrato nel guardrail
Ci sono anche due deputati calabresi tra i parlamentari sanzionati dall'ufficio di presidenza della Camera dei deputati
Soddisfazione da parte del presidente di Coldiretti Calabria Franco Aceto: "Ma non basta, la mobilitazione continua"
l'inviato
Centinaia di chilometri di arenile ubicati a ridosso della statale 18 invasi da erbacce, rifiuti e liquami fognari
L'Intervista
Il testo licenziato dal Senato - spiega il governatore della Calabria al Corriere della Sera - è un buon testo, ma deve essere migliorato”
I messaggi social con la firma delle “Brigate Rosse” diretti a due cosiddetti "diarchi fascisti": "Siete condannati a morte"
La Cgil incalza di fronte all'ennesimo episodio "Bisogna prendere provvedimenti drastici e urgenti affinché i colleghi vengano tutelati"
Accolte le istanze dei difensori del 31enne, di Spadola. Il Tribunale di Messina ha ritenuto inammissibile la richiesta della Dda
Accusati in concorso tra di loro di peculato, erano stati arrestati nell'ambito di un'inchiesta della Guardia di finanza. Accolte le le richieste della difesa
RUBRICHE

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Catanzaro n.1 del Registro Stampa del 7/02/2019.

Direttore Responsabile Mimmo Famularo
Caporedattore Gabriella Passariello

Calabria7 S.r.l. | P.Iva 03674010792

2024 © All rights reserved