Calabria7

Juventus, sei ultrà condannati per associazione a delinquere e tentata estorsione

Sei condanne per i reati di associazione a delinquere e tentata estorsione e sei assoluzioni hanno chiuso oggi in tribunale a Torino il processo Last Banner sulle pressioni esercitate dagli ultrà sulla Juventus. La pena più alta, quattro anni e dieci mesi, è stata inflitta a Dino Mocciola, indicato come il capo dei “Drughi”, per il quale la procura aveva chiesto oltre 13 anni di reclusione. Da una prima lettura del dispositivo si ricava che i giudici hanno in parte ridimensionato le tesi della pubblica accusa, per esempio classificando come tentata estorsione degli episodi che erano stati considerati estorsioni consumata. Secondo la procura, nella stagione 2018-2019 la tifoseria organizzata bianconera esercitò pressioni illecite sul club per non perdere una serie di benefici e agevolazioni.

Le condanne

Per Domenico Scarano la condanna è di tre anni e tre mesi di reclusione; per Salvatore Cava due anni e quattro mesi; per Sergio Genre due anni e sei mesi; per Umberto Toia un anno e sei mesi; per Giuseppe Franzo un anno e due mesi. La Juventus e alcuni dirigenti bianconeri che si sono costituiti parte civile hanno ottenuto il diritto a un risarcimento e a provvisionali che in totale ammontano a 53mila euro. “È una sentenza importante – ha commentato l’avvocato Luigi Chiappero, legale di parte civile per la Juventus – che segna i rapporti tra società e ultrà. Le condanne per tutta una serie di episodi, comprese le violenze private a tifosi bianconeri che non appartenevano ai gruppi organizzati, sono un segnale: non si può dire ‘la Juventus siamo noi’ nel modo in cui è stato detto, pretendendo le cose in quel modo. Il tifoso deve diventare un nuovo tifoso. E forse tutto lo stadio deve diventare diverso”.

© Riproduzione riservata.

Articoli Correlati

Emergenza Covid, pranzo e cenone in famiglia? Si apre uno spiraglio

Giovanni Bevacqua

Soluzione fisiologica al posto del vaccino, pazienti vittima di un “errore umano”

Mirko

Il super ciclone Amphan miete la prima vittima, lockdown complica evacuazione (Video)

Mirko
Click to Hide Advanced Floating Content
Click to Hide Advanced Floating Content